EASD 2017
A Focus on CV
EASD 2017

Effetto di un intervento comportamentale per la perdita di peso sulla nefropatia negli adulti in sovrappeso o obesi con diabete mellito di tipo 2


Gli effetti a lungo termine degli interventi comportamentali per la perdita di peso sulle complicanze del diabete mellito sono sconosciuti.
Una analisi secondaria dello studio clinico multicentrico randomizzato Look AHEAD ( Action for Health in Diabetes ) ha valutato se un intervento intenso sullo stile di vita possa influire sullo sviluppo della nefropatia nei pazienti con diabete di tipo 2.

Le persone in sovrappeso o obese, di età compresa tra 45 e 76 anni, con diabete mellito di tipo 2, sono state randomizzate a intervento intenso sullo stile di vita o a un gruppo di supporto e istruzione per il diabete.

L’intervento inteso sullo stile di vita è stato progettato per raggiungere e mantenere la perdita di peso attraverso la riduzione del consumo calorico e una maggiore attività fisica.

Gli interventi sono stati interrotti in anticipo a causa di assenza di effetto sul risultato primario di eventi cardiovascolari nello studio principale Look AHEAD.

Albuminuria e velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) sono state valutate dal basale fino alla fine degli interventi.
Sono state combinate post hoc per definire l’endpoint principale di questo studio, la malattia renale cronica a rischio molto alto, in base alla classificazione 2013 Kidney Disease Improving Global Outcomes ( KDIGO ).

Tra i 5.145 partecipanti assegnati in modo casuale allo studio Look AHEAD ( 2.570 a intervento intenso sullo stile di vita e 2.575 a supporto e informazione sul diabete ), le analisi per malattia renale cronica a rischio molto alto sono state eseguite in 2.423 pazienti ( 94% ) nel gruppo intervento intenso sullo stile di vita e 2.408 nel gruppo supporto ed educazione sul diabete ( 94% ).

Dopo una media di 8.0 anni di follow-up, l'incidenza di malattia renale cronica a rischio molto alto è stata più bassa nel gruppo intervento intenso sullo stile di vita rispetto al gruppo, con tassi di incidenza di 0.91 casi per 100 anni persona nel gruppo supporto ed educazione sul diabete e 0.63 per 100 anni-persona nel gruppo intervento intenso sullo stile di vita ( differenza 0.27 casi per 100 anni-persona, hazard ratio, HR=0.69; P=0.0016 ).

Questo effetto era in parte attribuibile alla riduzione di peso corporeo, emoglobina glicosilata ( HbA1c ) e pressione arteriosa sistolica.

Non ci sono stati problemi di sicurezza per quanto riguarda gli eventi avversi correlati ai reni.

La perdita di peso dovrebbe essere presa in considerazione in aggiunta ai trattamenti medici per prevenire o ritardare la progressione della malattia renale cronica in persone in sovrappeso o obese con diabete mellito di tipo 2. ( Xagena2014 )

The Look AHEAD Research Group, Lancet 2014; 2: 801-809

Endo2014 Nefro2014



Indietro