A Focus on CV
EASD 2017
EASD 2017

I biomarcatori cardiaci sono prognostici nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 ad alto rischio cardiovascolare


I biomarcatori cardiaci forniscono informazioni sui processi fisiopatologici e offrono una strategia interessante per la valutazione del rischio cardiovascolare.
È stato valutato il valore prognostico dei biomarcatori che riflettono diversi processi fisiopatologici nei pazienti con diabete mellito di tipo 2.

SAVOR-TIMI 53 ( Saxagliptin Assessment of Vascular Outcomes Recorded in Patients with Diabetes Mellitus – Thrombolysis in Myocardial Infarction ) è uno studio clinico controllato con placebo, randomizzato, in doppio cieco, che ha valutato la sicurezza di Saxagliptin ( Onglyza ) versus placebo in 16.492 pazienti non-ricoverati con diabete di tipo 2 con malattia conclamata cardiovascolare o più fattori di rischio.

In questa analisi secondaria, i biomarcatori ampiamente utilizzati sono stati valutati per accertare se erano in grado di fornire un valore prognostico ulteriore nella stratificazione del rischio.

Il follow-up è stato di 2.1 anni. Lo studio è stato condotto dal 2010 al 2013.

I pazienti sono stati randomizzati a Saxagliptin o a placebo in aggiunta alla terapia standard.
Sono state analizzate le concentrazioni di troponina T ad alta sensibilità ( hs-TnT ), frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B ( NT-proBNP ) e proteina C-reattiva ad alta sensibilità ( hs-CRP ) in modo continuo e in momenti stabiliti.
Sono stati giudicati gli eventi di morte cardiovascolare, infarto miocardico, ictus ischemico e ricovero per insufficienza cardiaca.

Su 16.492 pazienti, 5.455 ( 33.1% ) erano di sesso femminile e 11.037 ( 66.9% ) erano di sesso maschile. L’età media era di 65.0 anni.

I biomarcatori basali sono stati misurati in 12.310 pazienti.

Elevati livelli di ciascun biomarker sono stati associati in modo significativo con un aumento del rischio per tutti gli endpoint cardiovascolari.

Aggiunti alle variabili cliniche, i biomarcatori hanno migliorato significativamente la discriminazione e la appropriata riclassificazione del rischio.

Una elevata concentrazione di troponina T ad alta sensibilità è stata associata a un aumentato rischio di morte cardiovascolare ( hazard ratio aggiustato, aHR, 3.07; P minore di 0.001 ), infarto del miocardio ( aHR, 2.13; P minore di 0.001 ) e ricovero per insufficienza cardiaca ( aHR, 3.85; P minore di 0.001 ).

Anche elevate concentrazioni di frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B sono state associate a un aumentato rischio di morte cardiovascolare ( aHR, 3.09; P minore di 0.001 ), infarto del miocardio ( aHR, 1.95; P minore di 0.001 ) e ricovero per insufficienza cardiaca ( aHR, 3.92; P minore di 0.001 ).

Una elevata concentrazione di proteina C-reattiva ad alta sensibilità era più debolmente associata a un aumentato rischio di morte cardiovascolare ( aHR, 1.49; P minore di 0.001 ) e di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca ( aHR, 1.47; P minore di 0.001 ).

Risultati simili sono stati osservati in pazienti con o senza malattia cardiovascolare accertata.

In conclusione, una parte sostanziale di pazienti con diabete mellito di tipo 2 stabile con malattia cardiovascolare accertata o più fattori di rischio clinici ha evidenza di danno del miocardio in corso, stress emodinamico, o infiammazione sistemica.
La stratificazione del rischio con i biomarker offre una alternativa alla differenziazione tradizionale tra prevenzione primaria e secondaria basata semplicemente sulla storia clinica.
Le strategie per migliorare la stratificazione del rischio nei pazienti con diabete mellito di tipo 2, con o senza malattia cardiovascolare, dovrebbero prendere in considerazione l'incorporazione dei dati derivati dai biomarcatori nei modelli di rischio standard. ( Xagena2016 )

Scirica BM et al, JAMA Cardiol 2016; 1: 989-998

Cardio2016 Endo2016 Diagno2016


Indietro