EASD 2017
EASD 2017
A Focus on CV

L’aumento delle concentrazioni plasmatiche del frammento medio-regionale del peptide natriuretico proatriale è associato al rischio di disfunzione cardiorenale nel diabete di tipo 1


Sono state esaminate le possibili associazioni tra frammento medio-regionale del peptide natriuretico proatriale ( MR-proANP ) e le complicanze del diabete mellito al basale e rischio di mortalità e malattia renale allo stadio terminale durante il follow-up nel diabete di tipo 1.

È stato effettuato uno studio osservazionale con 667 pazienti con misurazioni di MR-proANP plasmatico al basale.

Le complicanze sono state definite come microalbuminuria ( n=168 ) o macroalbuminuria ( n=190 ) ( tasso di escrezione di albumina urinaria [ UAER ] 30-299 o maggiore o uguale a 300 mg/24 ore ), precedente malattia cardiovascolare ( n=143 ), disfunzione cardiaca autonomica ( variabilità della frequenza cardiaca inferiore a 11 battiti/min ) ( n=369 ) e retinopatia ( n=523 ).

Gli aggiustamenti hanno compreso sesso, età, pressione arteriosa sistolica, velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ), UAER, emoglobina glicata ( HbA1c ), colesterolo totale, escrezione urinaria di sodio nelle 24 ore ( 24h-U Na ), indice di massa corporea ( BMI ), dose giornaliera di Insulina, terapia antiipertensiva e fumo.

Lo sviluppo di malattia renale all'ultimo stadio ( dialisi, trapianto renale, o GFR/eGFR minore di 15 ml/min/1.73 m2 ) e la mortalità sono stati annotati nei Registri nazionali.

La coorte ha incluso 293 donne ( 44% ), con età media di 55 anni.

MR-proANP plasmatico mediano ( interquartile ) era pari a 74.7 pmol/l.
L’MR-proANP aggiustato è stato positivamente correlato con l'età e con velocità di escrezione urinaria di albumina, e negativamente correlato con velocità di filtrazione glomerulare stimata, escrezione urinaria di sodio nelle 24 ore, colesterolo totale, ed emoglobina glicata ( P minore di 0.05 ).

Inoltre, i livelli di MR-proANP sono aumentati con il grado di albuminuria ed erano più alti nei pazienti con precedente malattia cardiovascolare ( P minore o uguale a 0.001 ), ma sono risultati simili nei pazienti con o senza disfunzione autonomica o retinopatia ( P maggiore o uguale a 0.076 ).

Durante il follow-up ( 3.5 anni ), più alte concentrazioni di MR-proANP hanno previsto la malattia renale all’ultimo stadio e la mortalità combinate ( n=35 ) aggiustate per sesso, età, pressione arteriosa sistolica, eGFR e precedenti malattie cardiovascolari ( hazard ratio per aumento di 1 SD in logANP, HR=2.8; P minore di 0.001 ).

In conclusione, l’aumento di MR-proANP plasmatico era associato con funzionalità renale compromessa, aumento dell’albuminuria, e precedente malattia cardiovascolare.
Inoltre, le concentrazioni di MR-proANP sono risultate correlate a un aumentato rischio di sviluppo di malattia renale all'ultimo stadio e mortalità combinati durante il follow-up. ( Xagena2015 )

Theilade S et al, Am J Hypertens 2015; 28: 772-779

Cardio2015 Nefro2015 Endo2015



Indietro