EASD 2017
EASD 2017
A Focus on CV

Pazienti con diabete mellito di tipo 2: Sitagliptin e ricovero ospedaliero per insufficienza cardiaca


Precedenti studi hanno suggerito che l’uso di inibitori della dipeptidil peptidasi 4 ( DPP4 ) potrebbe aumentare il rischio di insufficienza cardiaca nel diabete mellito di tipo 2.
L’inibitore DPP4 Sitagliptin ( Januvia ) ha dimostrato di essere non-inferiore al placebo per quanto riguarda gli esiti compositi primari e secondari aterosclerotici cardiovascolari nello studio TECOS ( Trial Evaluating Cardiovascular Outcomes with Sitagliptin ).

È stata valutata l'associazione tra uso di Sitagliptin e ospedalizzazione per insufficienza cardiaca e gli esiti relativi.

Lo studio TECOS era randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, e ha valutato la sicurezza cardiovascolare di Sitagliptin rispetto al placebo, aggiunto alla usuale terapia ipoglicemizzante e alla cura cardiovascolare nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e malattia vascolare aterosclerotica diffusa.

Il follow-up mediano è stato di 2.9 anni, lo studio è stato effettuato in 673 Centri in 38 Paesi tra il 2008 e il 2015.
Hanno partecipato 14.671 pazienti con diabete mellito di tipo 2 e malattia vascolare aterosclerotica.

Le analisi secondarie prespecificate hanno confrontato l'effetto sulla ospedalizzazione per scompenso cardiaco, ospedalizzazione per scompenso cardiaco o morte cardiovascolare, e sull’esito composito di ospedalizzazione per scompenso cardiaco o di morte per tutte le cause, complessivo e in sottogruppi prespecificati.

Le analisi di supporto hanno incluso gli eventi totali di ospedalizzazione per scompenso cardiaco ( il primo più ricorrente ) e la mortalità post-ospedalizzazione per scompenso cardiaco.

Le meta-analisi hanno valutato gli effetti degli inibitori DPP4 sulla ospedalizzazione per scompenso cardiaco e sulla ospedalizzazione per scompenso cardiaco o sulla mortalità cardiovascolare.

Su 14.671 pazienti, 7.332 sono stati randomizzati a Sitagliptin e 7.339 a placebo.

L'ospedalizzazione per insufficienza cardiaca si è verificata nel 3.1% ( n=228 ) e nel 3.1% ( n=229 ) dei pazienti, rispettivamente, nei gruppi Sitagliptin e placebo ( hazard ratio non-aggiustato, HR=1.00 ).

Non c'è stata alcuna differenza negli eventi totali di ospedalizzazione per scompenso cardiaco tra Sitagliptin ( n=345 ) e placebo ( n=347 ) ( hazard ratio non-aggiustato, HR=1.00 ).

La mortalità per tutte le cause post-ospedalizzazione per scompenso cardiaco è risultata simile nei gruppi Sitagliptin e placebo ( 29.8% vs 28.8%, rispettivamente ), così come la mortalità cardiovascolare ( 22.4% vs 23.1% ).

Nessuna eterogeneità per l'effetto di Sitagliptin sulla ospedalizzazione per scompenso cardiaco è stata osservata nel sottogruppo di analisi tra 21 fattori ( P maggiore di 0.10 per tutte le interazioni ).
La meta-analisi dei risultati dell’ospedalizzazione per scompenso cardiaco per gli inibitori DPP4 ha rivelato eterogeneità moderata ( I2=44.9, P=0.16 ).

In conclusione, l’uso di Sitagliptin non influenza il rischio di diabete mellito di tipo 2 nella ospedalizzazione per scompenso cardiaco, in generale ma anche tra i sottogruppi di pazienti ad alto rischio. ( Xagena2016 )

McGuire DK et al, JAMA Cardiol 2016; 1: 126-135

Endo2016 Cardio2016 Farma2016


Indietro