A Focus on CV
EASD 2017
EASD 2017

Prevalenza di complicanze vascolari nei pazienti con mutazioni della glucochinasi e iperglicemia lieve, prolungata


Sono stati sviluppati target glicemici nel diabete mellito per ridurre al minimo il rischio di complicanze. I pazienti con mutazioni in eterozigosi che inattivano la glucochinasi ( GCK ) hanno lieve iperglicemia a digiuno dalla nascita, con conseguente elevato livello di emoglobina glicata ( HbA1c ) che imita i livelli raccomandati per il diabete di tipo 1 e 2.

È stata valutata l'associazione tra iperglicemia lieve cronica, prevalenza delle complicanze e gravità nei pazienti con mutazioni di GCK.

È stato effettuato uno studio trasversale nel Regno Unito nel periodo 2008-2010, con valutazione delle complicanze microvascolari e macrovascolari tra i partecipanti a partire dai 35 anni in 99 portatori della mutazione GCK ( età media, 48.6 anni ), 91 soggetti non-diabetici, non-portatori della mutazione ( controllo ) ( età media, 52.2 anni ) e 83 soggetti con diabete mellito di tipo 2 a insorgenza giovanile, diagnosticato all'età di 45 anni o più giovane ( età media, 54.7 anni ).

Gli esiti principali erano rappresentati dalla prevalenza e la gravità di nefropatia, retinopatia, neuropatia periferica, malattia vascolare periferica e malattie cardiovascolari.

L’emoglogina glicata ( HbA1c ) media è stata del 6.9% nei pazienti con mutazione di GCK, del 5.8% nei controlli e del 7.8% nei pazienti con diabete di tipo 2 a insorgenza giovanile.

I pazienti con mutazione GCK avevano una bassa prevalenza di complicanze microvascolari clinicamente significative ( 1% ), che non era significativamente differente dai controlli ( 2%, P=0.52 ), e inferiore nei pazienti con diabete di tipo 2 a insorgenza giovanile ( 36%, P minore di 0.001 ).

Il 30% per cento dei pazienti con mutazione GCK aveva retinopatia rispetto al 14% dei controlli ( P=0.007 ) e al 63% dei pazienti con diabete di tipo 2 a insorgenza giovanile ( P minore di 0.001 ).

Né i pazienti con mutazione GCK né i controlli hanno richiesto la laserterapia per la retinopatia confrontati con il 28% dei pazienti con diabete di tipo 2 a insorgenza giovanile ( P minore di 0.001 ).

Né i pazienti con mutazione GCK né i controlli avevano proteinuria e la microalbuminuria era rara ( GCK, 1%; controlli, 2% ), mentre il 10% dei pazienti con diabete di tipo 2 a insorgenza giovanile presentava proteinuria ( P minore di 0.001 vs GCK ) e il 21% aveva microalbuminuria ( P minore di 0.001 ).

La neuropatia era rara nei pazienti con mutazione nel gene GCK ( 2% ) e nei controlli, ma presente nel 29% dei pazienti con diabete di tipo 2 a insorgenza giovanile ( P minore di 0.001 ).

I pazienti con mutazione GCK avevano una bassa prevalenza di complicanze macrovascolari clinicamente significative ( 4% ), che non era significativamente differente dai controlli ( 11%; P=0.09 ) e più bassa in prevalenza dei pazienti con diabete di tipo 2 a insorgenza giovanile ( 30%, P minore di 0.001 ).

In conclusione, nonostante una durata media della iperglicemia di 48.6 anni, i pazienti con mutazione di GCK presentavano bassa prevalenza di complicanze microvascolari e macrovascolari.
Questi risultati possono fornire una migliore comprensione dei rischi associati a iperglicemia lieve isolata. ( Xagena2014 )

Steele AM et al, JAMA 2014; 311: 279-286

Endo2014



Indietro