A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it

Uso di Metformina e mortalità nei pazienti con malattia renale cronica avanzata


La Metformina è raccomandata come trattamento di prima linea per i pazienti con diabete mellito di tipo 2. Tuttavia, l'uso di questo farmaco è controindicato in pazienti con funzione renale compromessa a causa del rischio percepito di acidosi lattica.
Le evidenze ora supportano un uso prudente di Metformina nelle persone con malattia renale cronica lieve-moderata.
Tuttavia, sono carenti gli studi che hanno esaminato l'uso di Metformina nei pazienti con malattia renale cronica avanzata.
Uno studio ha valutato la sicurezza della Metformina in pazienti con diabete mellito di tipo 2 e malattia renale cronica avanzata ( approssimativamente stadio 5 ).

Lo studio retrospettivo, osservazionale, di coorte ha arruolato pazienti con diabete mellito di tipo 2 nel database di assicurazione sanitaria nazionale di Taiwan tra il 2000 e il 2009, con dati di follow-up fino al 31 dicembre 2009.
Sono stati inclusi individui con una concentrazione di creatinina sierica superiore a 530 micromol/l, che è approssimativamente equivalente a malattia renale cronica in stadio 5.

In un campione di 12.350 pazienti con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica, 1.005 avevano utilizzato Metformina e 11.345 non l’avevano utilizzata.
Sono stati abbinati utilizzatori e non-utilizzatori di Metformina in base a un punteggio di propensione.

L’esito primario era la mortalità per qualsiasi causa.

813 utilizzatori di Metformina sono stati abbinati per punteggio di propensione con 2.439 non-utilizzatori.

I due gruppi di pazienti non differivano significativamente per 30 variabili cliniche e socio-economiche di base.

Il follow-up nella coorte era di 2.1 anni.

La mortalità è stata riportata in 434 ( 53% ) degli 813 utilizzatori di Metformina e in 1.012 ( 41% ) dei 2.439 non-utilizzatori.

Dopo aggiustamento multivariato, l'uso di Metformina è risultato essere un fattore di rischio indipendente di mortalità ( hazard ratio aggiustato, aHR=1.35, P minore di 0.0001 ).
Il rischio di mortalità maggiore era dose-dipendente ed è stato costante in tutte le analisi dei sottogruppi.

Tuttavia, l'uso di Metformina rispetto al mancato uso era associato a un rischio più elevato ma non significativo di acidosi metabolica ( 1.6 vs 1.3 eventi per 100 anni-paziente; aHR=1.30, P=0.19 ).

Dallo studio è emerso che l'uso di Metformina in persone con diabete mellito di tipo 2 e una concentrazione di creatinina sierica superiore a 530 micromol/l è associato a un aumento significativo del rischio di mortalità per tutte le cause rispetto ai non-utilizzatori.
L’uso di Metformina non dovrebbe essere incoraggiato in questo gruppo di pazienti. ( Xagena2015 )

Hung SC et al, Lancet 2015; 3: 605-614

Nefro2015 Endo2015 Farma2015


Indietro