EASD 2017
A Focus on CV
EASD 2017
Reumatologia

Effetti del controllo glicemico intensivo sulla cardiopatia ischemica


L'iperglicemia può aumentare notevolmente il rischio di cardiopatia ischemica nei pazienti con diabete mellito di tipo 2.
Si è determinato se un abbassamento intensivo delle concentrazioni di glucosio possa avere effetti sul rischio.

Sono stati valutati 10.251 adulti di età compresa tra 40 e 79 anni con diabete di tipo 2, concentrazione media di emoglobina glicata ( HbA1c ) di 67 mmol/mol ( 8.3% ) e fattori di rischio per malattie ischemiche cardiache, arruolati nello studio ACCORD.

I partecipanti sono stati assegnati alla terapia intensiva o standard ( HbA1c target inferiore a 42 oppure 53-63 mmol/mol, inferiore a 6.0% oppure 7.0-7.9%, rispettivamente ).

Sono stati valutati infarto miocardico fatale o non-fatale, rivascolarizzazione coronarica, angina instabile e nuova angina durante il trattamento attivo ( in media 3.7 anni ) più ulteriori 1.2 anni in media.

L'infarto miocardico è stato meno frequente nel gruppo di terapia intensiva rispetto al gruppo di terapia standard durante il trattamento attivo ( hazard ratio, HR=0.80; P=0.015 ) e complessivamente ( HR=0.84; P=0.02 ).

I risultati sono stati simili per la combinazione di infarto miocardico, rivascolarizzazione coronarica e angina instabile ( trattamento attivo, HR=0.89; complessivamente, HR=0.87 ) e per la rivascolarizzazione coronarica da sola ( HR=0.84 ) e angina instabile da sola ( HR=0.81 ) durante il follow-up completo.

Con le più basse concentrazioni raggiunte da HbA1C, tutti i rischi sono diventati non-significativi.

Un aumento delle concentrazioni di glucosio è un fattore di rischio modificabile per la malattia ischemica in persone di mezza età con diabete mellito di tipo 2 e altri fattori di rischio cardiovascolare. ( Xagena2014 )

Gerstein HC et al, Lancet 2014;384:1936-1941

Endo2014 Cardio2014



Indietro