Mediexplorer

Diabetologia.net

Diabetologia

Emoglobina glicata e previsione di malattie cardiovascolari


Il valore della misurazione dei livelli di emoglobina glicata ( HbA1c ) per la previsione dei primi eventi cardiovascolari è incerto. Si è determinato se l'aggiunta di informazioni sui valori di HbA1c ai tradizionali fattori di rischio cardiovascolare sia associata ad un miglioramento nella previsione del rischio di malattie cardiovascolari ( CVD ).

Sono stati analizzati i dati disponibili da 73 studi prospettici che hanno coinvolto 294.998 partecipanti senza storia nota di diabete mellito o di malattie cardiovascolari alla valutazione iniziale.

Le principali misure di esito sono state la discriminazione del rischio di esiti cardiovascolari ( ad esempio, C-index ) e riclassificazione ( ad esempio, miglioramento di riclassificazione netto ) dei partecipanti in tutte le categorie di rischio predetto a 10 anni, distinte in rischio basso ( inferiore al 5% ), intermedio ( 5-7.5% ) e alto ( 7.5% o superiore ).

Durante un follow-up medio di 9.9 anni sono stati registrati 20.840 esiti cardiovascolari incidenti fatali e non-fatali ( 13.237 di malattie coronariche e 7.603 di ictus ).

Nelle analisi aggiustate per diversi fattori di rischio cardiovascolare tradizionali, vi era un'associazione approssimativamente a forma di J tra i valori di emoglobina glicata e il rischio cardiovascolare.

L'associazione tra i valori di emoglobina glicata e il rischio cardiovascolare è cambiata solo leggermente dopo aggiustamento per le concentrazioni di colesterolo e trigliceridi totali o tasso di filtrazione glomerulare stimato, ma questa associazione si è attenuata dopo aggiustamento per le concentrazioni di colesterolo HDL e della proteina C-reattiva.

Il C-index per un modello di predizione del rischio cardiovascolare contenente solo i tradizionali fattori di rischio cardiovascolare era 0.7434.

L'aggiunta di informazioni su emoglobina glicata è risultata associata a un cambiamento del C-index di 0.0018 e a un miglioramento di riclassificazione netto di 0.42 per le categorie del predetto rischio cardiovascolare a 10 anni.

Il miglioramento fornito dalla valutazione di emoglobina glicata nella predizione del rischio cardiovascolare è risultato uguale o migliore del miglioramento stimato per la misurazione dei livelli di glicemia a digiuno, casuali, o dopo il carico di glucosio.

In conclusione, in uno studio di individui senza malattia cardiovascolare o diabete mellito noti, la valutazione supplementare dei valori di emoglobina glicata nel contesto della valutazione del rischio cardiovascolare ha fornito un piccolo beneficio incrementale per la previsione del rischio. ( Xagena2014 )

The Emerging Risk Factors Collaboration, JAMA 2014; 311: 1225-1233

Endo2014 Cardio2014



Indietro