EASD 2017
A Focus on CV
EASD 2017

Prediabete e diabete di tipo 2 sono associati a disfunzione microvascolare generalizzata


Il diabete mellito di tipo 2 ( T2DM ) è associato a un aumentato rischio di malattie cardiovascolari. Ciò può essere spiegato in parte dalla disfunzione delle grandi arterie, che avviene già nel prediabete.
Non era chiaro se un fenomeno simile si applicasse anche alla disfunzione microvascolare.

È stata testata l'ipotesi che la disfunzione microvascolare sia già presente nel prediabete e sia più grave nel diabete mellito di tipo 2.
Per fare ciò, sono state studiate le associazioni tra prediabete, diabete di tipo 2, e misure di iperglicemia con funzione microvascolare misurata come dilatazione arteriolare retinica indotta dalla luce e iperemia della pelle indotta dal calore.

Nello studio Maastricht, uno studio di coorte basato sulla popolazione arricchito da pazienti con diabete mellito di tipo 2 ( n=2.213, 51% uomini, età media 59.7 anni ), è stata determinata la dilatazione arteriolare retinica percentuale indotta dalla luce lampeggiante ( Dynamic Vessel Analyzer ), l’iperemia della pelle percentuale indotta dal calore ( flussometria laser Doppler ) e lo stato del metabolismo del glucosio ( test di tolleranza al glucosio orale; normale metabolismo del glucosio n=1.269, prediabete n=335, o diabete di tipo 2 n=609 ).

La dilatazione percentuale arteriolare retinica media era 3.4 nel normale metabolismo del glucosio, 3.0 nel prediabete, e 2.3 nel diabete di tipo 2.

Analisi aggiustate hanno mostrato una minore dilatazione arteriolare percentuale nel prediabete ( B=-0.20 ), con ulteriore peggioramento del diabete di tipo 2 ( B=-0.61 ) rispetto al normale metabolismo del glucosio ( P per trend=0.001 ).

L’iperemia della pelle percentuale media era 1.235 nel normale metabolismo del glucosio, 1.109 nel prediabete, e 937 nel diabete di tipo 2.

Analisi aggiustate hanno mostrato una inferiore percentuale di iperemia nel prediabete ( B=-46 ), con ulteriore peggioramento nel diabete di tipo 2 ( B=-184 ) rispetto al normale metabolismo del glucosio ( P per trend=0.001 ).

Inoltre, maggiori valori di glicoemoglobina A1c e glicemia a digiuno erano associati a una minore dilatazione arteriolare retinica percentuale e iperemia della pelle percentuale in modelli completamente adattati ( per glicoemoglobina A1c, standardizzato B=-0.10, P minore di 0.001 e standardizzato B=-0.13, P minore di 0.001, rispettivamente; per glicemia a digiuno, standardizzato B=-0.09, P minore di 0.001 e standardizzato B=-0.10, P=0.002, rispettivamente ).

In conclusione, il prediabete, il diabete di tipo 2, e le misure di iperglicemia sono risultate indipendentemente associate alla funzione microvascolare alterata nella retina e nella pelle.
Questi risultati supportano il concetto secondo cui la disfunzione microvascolare precede e, quindi, può contribuire alle malattie cardiovascolari associate a diabete mellito di tipo 2 e ad altre complicazioni, che possono in parte avere un'origine microvascolare, come disturbi cognitivi e insufficienza cardiaca. ( Xagena2016 )

Sörensen BM et al, Circulation 2016; 134: 1339-1352

Cardio2016 Endo2016



Indietro