A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it

ACE inibitori e statine negli adolescenti con diabete di tipo 1


Tra gli adolescenti con diabete di tipo 1, un rapido aumento dell'escrezione di albumina durante la pubertà precede lo sviluppo di microalbuminuria e macroalbuminuria, fattori di rischio a lungo termine per le patologie renali e cardiovascolari.
Si è ipotizzato che gli adolescenti con elevati livelli di escrezione di albumina possano trarre beneficio dagli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina ( ACE inibitori ) e dalle statine, farmaci che non sono stati completamente valutati negli adolescenti.

Sono stati esaminati 4.407 adolescenti con diabete mellito di tipo 1 di età compresa tra 10 e 16 anni e ne sono stati identificati 1.287 con valori nel terzo superiore dei rapporti albumina-creatinina; 443 sono stati assegnati in modo casuale in uno studio controllato con placebo a un ACE-inibitore e a una statina, riducendo al minimo le differenze nelle caratteristiche basali come età, sesso e durata del diabete.

L'esito primario per entrambi gli interventi era il cambiamento nell'escrezione di albumina, valutata in base al rapporto albumina-creatinina calcolato da tre campioni di urina nelle prime ore del mattino ottenuti ogni 6 mesi nell'arco di 2 o 4 anni ed espressi come area sotto la curva.

I principali risultati secondari comprendevano lo sviluppo della microalbuminuria, la progressione della retinopatia, i cambiamenti nella velocità di filtrazione glomerulare, i livelli lipidici, e misure di rischio cardiovascolare ( spessore della intima-media carotidea e livelli di proteina C-reattiva ad alta sensibilità e dimetilarginina asimmetrica ).

L'esito primario non è stato influenzato dalla terapia con ACE inibitori, terapia con statine o dalla combinazione dei due.

L'uso di un ACE-inibitore è stato associato a una minore incidenza di microalbuminuria rispetto all'uso del placebo; nel contesto di risultati negativi per l'esito primario, questa incidenza più bassa non è stata considerata significativa ( hazard ratio, HR=0.57 ).

L'uso di statine ha portato a riduzioni significative dei livelli di colesterolo totale, da lipoproteine a bassa densità e non da lipoproteine ad alta densità, nei livelli di trigliceridi e nel rapporto tra apolipoproteina B e apolipoproteina A1, mentre nessuno dei due farmaci ha avuto effetti significativi sullo spessore dell'intima-media carotidea, su altri marcatori cardiovascolari, sulla velocità di filtrazione glomerulare o sulla progressione della retinopatia.

In conclusione, l'uso di un ACE inibitore e una statina non ha modificato il rapporto tra albumina e creatinina nel tempo. ( Xagena2017 )

Marcovecchio ML et al, N Engl J Med 2017; 377: 1733-1745

Endo2017 Pedia2017 Farma2017


Indietro