Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Xagena Salute

Associazione tra funzione primaria del trapianto ed esiti a 5 anni del trapianto allogenico di isole nel diabete di tipo 1


Il trapianto allogenico di isole è una terapia validata nel diabete di tipo 1; tuttavia, nel tempo vi è un declino della funzione dell'innesto di isole trapiantate e i meccanismi alla base di questo declino non sono ben definiti.

È stata valutata la distinta associazione tra la funzione dell'innesto primario ( PGF ) e gli esiti del trapianto di isole a 5 anni.

In uno studio di coorte retrospettivo, multicentrico e osservazionale, sono stati arruolati tutti i pazienti del Registo CITR ( Collaborative Islet Transplant Registry ) che hanno ricevuto solo trapianto di isole ( ITA ) o trapianto di isole dopo trapianto di rene ( IAK ) tra il 1999 e il 2020, con una funzione dell'innesto primario ( esposizione di interesse ) calcolabile, misurata 28 giorni dopo l'ultima infusione di isole con un indice composito convalidato della funzione dell'innesto di isole ( punteggio BETA-2 ).

L'esito primario era l'incidenza cumulativa di trapianto di isole non riuscito, definito come emoglobina glicata ( HbA1c ) del 7.0% ( 53 mmol/mol ) o superiore, o grave ipoglicemia ( che richiedeva un intervento di terzi per essere corretta ), o una concentrazione di peptide C a digiuno inferiore a 0.2 ng/ml.

Gli esiti secondari erano l'esaurimento dell'innesto ( peptide C a digiuno inferiore a 0.3 ng/ml ); controllo inadeguato della glicemia ( HbA1c maggiore o uguale a 7.0%, 53 mmol/mol, o grave ipoglicemia ); e necessità di terapia insulinica esogena ( 14 giorni o più consecutivi ).

Le associazioni tra funzione dell'innesto primario ed esiti del trapianto di isole sono state esplorate con un'analisi del rischio concorrente, aggiustata per tutte le covariate sospettate o note per influenzare gli esiti. Un modello predittivo basato su funzione dell'innesto primario è stato costruito e convalidato internamente utilizzando il metodo di ricampionamento bootstrap.

In 39 Centri in tutto il mondo, sono stati arruolati 1.210 pazienti con funzione dell'innesto primario calcolabile ( di quelli senza dati mancanti, età media 47 anni, 712 erano donne, 59.5%, e 865 erano bianchi, 97.9% ) che hanno ricevuto una mediana di 10.800 isole equivalenti per kg di peso corporeo. 986 ( 82.4% ) erano destinatari di solo trapianto di isole e 211 ( 17.6% ) erano destinatari di trapianto di isole dopo trapianto di rene.

Dei 1.210 pazienti, 452 ( 37.4%) hanno ricevuto una singola infusione di isole e 758 ( 62.6% ) hanno ricevuto infusioni multiple di isole.
La funzione dell'innesto primario media è stata 14.3.

L'incidenza cumulativa a 5 anni di trapianto non-riuscito di isole è stata del 70.7% ed è stata inversamente e linearmente correlata al funzione dell'innesto primario, con un hazard ratio secondario ( sHR ) aggiustato di 0.77 per aumento di 5 unità del punteggio BETA-2 ( P minore di 0.0001 ).

Gli endpoint secondari sono risultati similmente correlati alla funzione dell'innesto primario. I valori C-statistici mediani aggiustati per il modello di funzione dell'innesto primario per la previsione di incidenze cumulative a 5 anni di trapianto non-riuscito di isole, esaurimento dell'innesto, controllo glicemico inadeguato e terapia con Insulina esogena sono stati 0.70, 0.76, 0.65 e 0.72, rispettivamente.

Questo studio multicentrico globale ha riportato un'associazione lineare e indipendente tra funzione dell'innesto primario ed esiti clinici a 5 anni del trapianto di isole.
I principali limiti dello studio sono il disegno retrospettivo e l'assenza di analisi delle complicanze. ( Xagena2023 )

Chetboun M et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2023; 11: 391-401

Endo2023



Indietro