A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it

Benefici dell'aggiunta di Ezetimibe alla terapia con statine sugli esiti cardiovascolari e sicurezza nei pazienti con o senza diabete mellito: studio IMPROVE-IT


Ezetimibe ( Zetia ), quando è aggiunto a Simvastatina ( Vytorin ), riduce gli eventi cardiovascolari dopo la sindrome coronarica acuta.
Sono stati esaminati i risultati stratificati in base al diabete mellito.

Nello studio IMPROVE-IT ( Improved Reduction of Outcomes: Vytorin Efficacy International Trial ), 18.144 pazienti dopo sindrome coronarica acuta con colesterolo LDL da 50 a 125 mg/dl sono stati randomizzati a 40 mg di Ezetimibe / Simvastatina o a 40 mg di placebo / Simvastatina.

L'endpoint composito primario era la mortalità cardiovascolare, eventi coronarici maggiori e ictus.
Il diabete mellito era un sottogruppo prespecificato.

I 4.933 pazienti ( 27% ) con diabete mellito erano più spesso anziani e donne, avevano avuto un precedente infarto miocardico e rivascolarizzazione e presentavano più frequentemente sindrome coronarica acuta senza sopraslivellamento del segmento ST rispetto ai pazienti senza diabete ( ciascuno P minore di 0.001 ).

Il valore mediano di colesterolo LDL all’ammissione era più basso tra i pazienti con diabete mellito ( 89 vs 97 mg/dl, P minore di 0.001 ).

La combinazione Ezetimibe e Simvastatina ha raggiunto una mediana di colesterolo LDL ponderata nel tempo significativamente inferiore rispetto alla sola Simvastatina, indipendentemente dal diabete mellito ( diabete: 49 vs 67 mg/dl; no-diabete: 55 vs 71 mg/dl; entrambi P minore di 0.001 ).

Nei pazienti con diabete mellito, la combinazione Ezetimibe e Simvastatina ha ridotto il tasso di eventi endpoint primari a 7 anni del 5.5% assoluto ( hazard ratio, HR=0.85 ); in pazienti senza diabete, la differenza assoluta è stata dello 0.7% ( HR=0.98, P interazione=0.02 ).

Le maggiori riduzioni relative nei pazienti con diabete hanno riguardato: infarto miocardico ( 24% ) e ictus ischemico ( 39% ).
Non erano presenti differenze nei risultati di sicurezza per il trattamento indipendentemente da diabete mellito.

Quando si è stratificato ulteriormente per età, i pazienti di età a partire da 75 anni hanno avuto una riduzione relativa del 20% nell'endpoint primario indipendentemente da diabete mellito ( P interazione=0.91 ), mentre i pazienti di età inferiore a 75 anni con diabete hanno presentato un beneficio maggiore rispetto a quelli senza ( P interazione=0.011 ).

Quando si è stratificato per il punteggio di rischio TIMI per la prevenzione secondaria, tutti i pazienti con diabete mellito hanno dimostrato benefici con la combinazione Ezetimibe e Simvastatina, indipendentemente dal rischio.

Al contrario, tra i pazienti senza diabete mellito, quelli con un punteggio di rischio elevato hanno presentato una riduzione significativa ( 18% ) del composito di morte cardiovascolare, infarto miocardico e ictus ischemico con Ezetimibe associato a Simvastatina rispetto a placebo più Simvastatina, mentre i pazienti non-diabetici a basso o moderato rischio non hanno dimostrato alcun beneficio con l'aggiunta di Ezetimibe a Simvastatina ( P=0.034 ).

In conclusione, nello studio IMPROVE-IT, il beneficio dell'aggiunta di Ezetimibe alla statina è migliorato nei pazienti con diabete mellito e nei pazienti ad alto rischio senza diabete. ( Xagena2018 )

Giugliano RP et al, Circulation 2018; 137: 1571-1582

Cardio2018 Endo2018 Farma2018


Indietro