A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute

Canagliflozin ed esiti renali nel diabete di tipo 2: risultati degli studi clinici del CANVAS Program


Nel Canagliflozin Cardiovascular Assessment Study ( CANVAS ) Program, Canagliflozin ( Invokana ) ha ridotto i tassi di eventi avversi cardiovascolari maggiori e i risultati hanno suggerito un beneficio renale nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 ad alto rischio di eventi cardiovascolari, rispetto a quelli trattati con placebo.

Sono stati riportati i risultati di una analisi esplorativa prespecificata degli effetti a lungo termine di Canagliflozin su una serie di esiti renali.

Il CANVAS Program consiste in due studi randomizzati in doppio cieco che hanno valutato Canagliflozin rispetto al placebo nei partecipanti con diabete di tipo 2 che erano ad alto rischio di eventi cardiovascolari.
Gli studi sono stati condotti in 667 Centri in 30 Paesi.
Sono state arruolate persone con diabete di tipo 2 ed emoglobina glicata ( HbA1c ) di 7.0-10.5% ( 53-91 mmol/mol ) con età di almeno 30 anni e con anamnesi di malattia vascolare aterosclerotica sintomatica, o con età pari o superiore a 50 anni e con almeno due fattori di rischio cardiovascolare.

I partecipanti a CANVAS sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 300 mg di Canagliflozin, 100 mg di Canagliflozin o un placebo corrispondente una volta al giorno.
I partecipanti a CANVAS-R sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Canagliflozin o placebo corrispondente, a una dose iniziale di 100 mg al giorno, con up-titolazione opzionale a 300 mg a partire dalla settimana 13 o placebo corrispondente.

Gli esiti prespecificati qui riportati includevano un composito di raddoppio sostenuto di creatinina sierica, malattia renale allo stadio terminale o morte per cause renali; i singoli componenti di questo risultato composito; riduzioni annuali della velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ); e cambiamenti nel rapporto albumina / creatinina urinario ( UACR ).

Tra il 2009 e il 2011 ( CANVAS ), e tra il 2014 e il 2015 ( CANVAS-R ), sono state sottoposte a screening 15.494 persone, di cui 10.142 partecipanti (c on eGFR basale media di 76.5 ml/min per 1.73 m2, UACR mediano di 12.3 mg/g, e 80% che stava ricevendo un bloccante del sistema renina-angiotensina ) sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Canagliflozin oppure placebo.

L'esito composito del raddoppio prolungato della creatinina sierica, di malattia renale allo stadio terminale e di morte per cause renali si è verificato meno frequentemente nel gruppo Canagliflozin rispetto al gruppo placebo ( 1.5 per 1.000 anni-paziente nel gruppo Canagliflozin vs 2.8 per 1.000 anni-paziente nel gruppo placebo: hazard ratio, HR=0.53 ), con risultati coerenti tra i sottogruppi di pazienti prespecificati.

Il declino annuale di eGFR è stato più lento ( differenza di pendenza tra i gruppi 1.2 ml/min per 1.73 m2 per anno ), e UACR medio è stato inferiore del 18% nei partecipanti trattati con Canagliflozin rispetto a quelli trattati con placebo.

Gli eventi avversi gravi totali correlati al rene sono stati simili tra i gruppi Canagliflozin e placebo ( 2.5 vs 3.3 per 1.000 anni-paziente; HR 0.76 ).

In una analisi esplorativa prespecificata, il trattamento con Canagliflozin è risultato associato a un ridotto rischio di perdita sostenuta della funzionalità renale, diminuzione del declino di EGFR e riduzione dell'albuminuria, supportando un possibile effetto renoprotettivo di questo farmaco nelle persone con diabete mellito di tipo 2. ( Xagena2018 )

Perkovic V et al, Lancet Diabetes Endocrinol 2018; 6: 691-704

Endo2018 Nefro2018 Farma2018


Indietro