A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it

Canagliflozin ed eventi cardiovascolari e renali nel diabete di tipo 2


Canagliflozin ( Invokana ) è un inibitore del cotrasportatore sodio-glucosio di tipo 2 che riduce la glicemia, la pressione arteriosa, il peso corporeo e l'albuminuria nelle persone con diabete mellito.
Sono stati riportati gli effetti del trattamento con Canagliflozin sugli esiti cardiovascolari, renali e di sicurezza.

Il Programma CANVAS ha integrato i dati di due studi per un totale di 10.142 partecipanti con diabete mellito di tipo 2 e alto rischio cardiovascolare.
I partecipanti a ciascuno studio sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Canagliflozin oppure placebo e sono stati seguiti per una media di 188.2 settimane.

L'esito primario era un composito di morte per cause cardiovascolari, infarto miocardico non-fatale o ictus non-fatale.

L'età media dei partecipanti era di 63.3 anni, il 35.8% era di sesso femminile, la durata media del diabete era di 13.5 anni, e il 65.6% aveva una storia di malattia cardiovascolare.

Il tasso di esito primario è risultato inferiore con Canagliflozin rispetto al placebo ( verificandosi tra 26.9 e 31.5 partecipanti per 1.000 anni-paziente; hazard ratio, HR=0.86, P minore di 0.001 per non-inferiorità; P=0.02 per superiorità ).

Sebbene sulla base della sequenza di test di ipotesi prespecificata gli esiti renali non siano considerati statisticamente significativi, i risultati hanno mostrato un possibile beneficio di Canagliflozin in merito alla progressione dell'albuminuria ( HR=0.73 ) e l'esito composito di una riduzione sostenuta del 40% della velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ), la necessità di una terapia di sostituzione renale, o morte per cause renali ( HR=0.60 ).

Le reazioni avverse sono state coerenti con i rischi precedentemente segnalati associati a Canagliflozin eccetto per un aumento del rischio di amputazione ( 6.3 vs 3.4 partecipanti per 1.000 anni-paziente; HR=1.97 ); le amputazioni sono state principalmente a livello delle dita dei piedi o dei metatarsi.

In conclusione, in due studi che hanno coinvolto pazienti con diabete mellito di tipo 2 e un rischio elevato di malattia cardiovascolare, i pazienti trattati con Canagliflozin hanno avuto un rischio minore di eventi cardiovascolari rispetto a quelli che hanno ricevuto placebo, ma un rischio maggiore di amputazione, principalmente a livello delle dita del piede o dei metatarsi. ( Xagena2017 )

Neal B et al, N Engl J Med 2017; 377: 644-657

Endo2017 Cardio2017 Farma2017


Indietro