A Focus on CV
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Canagliflozin riduce i principali eventi cardiovascolari e l'insufficienza renale nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e malattia renale cronica


I risultati di una nuova analisi di sottogruppi dello studio di fase 3, CREDENCE, hanno mostrato che Canagliflozin ( Invokana ) riduce significativamente il rischio di eventi cardiovascolari maggiori e insufficienza renale nei pazienti con diabete di tipo 2 ( T2D ) e malattia renale cronica ( CKD ), sono stati presentati alla 79a Sessione Scientifica della American Diabetes Association ( ADA ).
Questi risultati positivi sono stati osservati nei pazienti che assumevano Canagliflozin, compresi quelli con fattori di rischio cardiovascolare ma anche senza storia di malattia cardiovascolare ( gruppo prevenzione primaria ) e pazienti con storia di malattia cardiovascolare, definita come anamnesi di malattia vascolare coronarica, cerebrovascolare o periferica ( gruppo prevenzione secondaria ).

Pubblicato su The New England Journal of Medicine ( NEJM ), lo studio CREDENCE ha valutato gli esiti cardiovascolari e renali nei pazienti con diabete di tipo 2 e nefropatia cronica trattati con Canagliflozin oppure placebo, oltre allo standard di cura.

Per la nuova analisi dei sottogruppi presentata al Congresso ADA, i ricercatori di CREDENCE hanno esaminato specificamente gli esiti cardiovascolari e renali nel gruppo di prevenzione primaria ( n = 2.181; 49.6% ) e nel gruppo di prevenzione secondaria ( n = 2.220; 50.4% ).
Rispetto ai partecipanti alla prevenzione secondaria, i partecipanti alla prevenzione primaria erano più giovani ( 61.4 vs 64.6 anni ) e più spesso di sesso femminile ( 36.6% vs 31.3% ), ma con una durata simile di diabete mellito di tipo 2 ( 15.2 vs 16.4 anni ).

I risultati cardio-vascolari di CREDENCE hanno rilevato che Canagliflozin ha ridotto significativamente gli eventi cardiovascolari maggiori nella popolazione complessiva dello studio, con risultati coerenti su tutti gli endpoint compositi e i singoli componenti degli endpoint compositi.
In particolare, Canagliflozin ha ridotto il rischio di morte cardiovascolare, infarto miocardico o ictus del 20% rispetto al placebo ( 9.9% vs 12.2%, hazard ratio [ HR ]: 0.80, intervallo di confidenza al 95% [ IC ]: 0.67-0.95; P = 0.01 ).
Canagliflozin ha anche ridotto il rischio di morte cardiovascolare o di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca del 31% ( 8.1% vs 11.5%; HR: 0.69; IC 95%: 0.57-0.83; P inferiore a 0.001 ) e ospedalizzazione per insufficienza cardiaca del 39% ( 4.0% vs. 6.4%; HR: 0.61; IC 95%: da 0.47 a 0.80; P inferiore a 0-001 ).

L'analisi del sottogruppo ha evidenziato:

a) i risultati cardiovascolari osservati nella popolazione complessiva dello studio erano coerenti tra i gruppi di prevenzione primaria e secondaria, inclusi tutti i sottogruppi clinici e tra i gruppi definiti dalla funzione renale;

b) per la morte cardiovascolare, l'infarto miocardico e l'ictus, non vi è stata evidenza di eterogeneità tra i gruppi di prevenzione primaria e secondaria ( p-interazione = 0.25 ). In particolare, Canagliflozin ha ridotto il rischio del composito di morte cardiovascolare, infarto miocardico e ictus del 32% nel gruppo di prevenzione primaria ( HR: 0.68, IC 95%, 0.49-0.94 ) e 15% nel gruppo di prevenzione secondaria ( HR: 0.85; IC 95%, da 0.69 a 1.06 ).

I risultati renali di CREDENCE hanno rilevato che Canagliflozin ha dimostrato una riduzione del 30% del rischio dell'endpoint primario composito, comprendente una progressione al raddoppio della creatinina sierica, malattia renale allo stadio terminale ( ESKD ) e morte renale o cardiovascolare ( HR: 0.70; IC 95%: da 0.59 a 0.82, P inferiore a 0.0001 ) con risultati coerenti tra i singoli componenti dell'endpoint primario composito, nonché tra tutti i 15 sottogruppi prespecificati esaminati.

L'analisi del sottogruppo ha trovato:

a) i risultati renali osservati nella popolazione complessiva dello studio erano coerenti tra i gruppi di prevenzione primaria e secondaria;

b) specificamente, Canagliflozin ha ridotto il rischio di malattia renale all'ultimo stadio del 31% ( HR: 0.69, IC 95%: 0.51-0.95; P-interazione: 0.89 ) e del 33% ( HR: 0.67; IC 95%: 0.47-0.96; P -interazione: 0.89 ), rispettivamente, nei gruppi di prevenzione primaria e secondaria.

Inoltre, CREDENCE ha riscontrato che i tassi di incidenza di eventi avversi ed eventi avversi gravi erano numericamente inferiori per i pazienti trattati con Canagliflozin rispetto al placebo.
Per l'analisi del sottogruppo, i risultati di sicurezza erano simili nei gruppi di prevenzione sia primaria che secondaria.
Non c'era alcuna differenza nel rischio di fratture o incidenza di amputazioni nei gruppi di prevenzione primaria e secondaria.

Lo studio clinico CREDENCE ( Canagliflozin e Renal Events in Diabetes with Estafished Nephropathy Clinical Evaluation ) era uno studio multicentrico randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli, a due bracci.
Ha preso in esame 4.401 pazienti provenienti da 34 Paesi con diabete mellito di tipo 2 e malattia renale cronica in stadio 2 o 3 che stavano ricevendo standard di cura, che comprendeva una dose giornaliera massima tollerata di inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina ( ACE ) o bloccanti del recettore dell'angiotensina II ( ARB; sartani ).
I pazienti sono stati randomizzati in un rapporto 1:1 e hanno ricevuto Canagliflozin 100 mg al giorno oppure placebo, con un follow-up medio di 2.62 anni ( Xagena2019 )

Fonte: Janssen, 2019

Endo2019 Cardio2019 Nefro2019 Farma2019


Indietro