A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it

Controllo intensivo della glicemia nei pazienti con diabete di tipo 2: follow-up a 15 anni


In precedenza è stato riportato che una mediana di 5.6 anni di riduzione intensiva rispetto a riduzione del glucosio standard in 1.791 veterani dell’esercito con diabete mellito di tipo 2 ha comportato un rischio di eventi cardiovascolari maggiori significativamente inferiore ( del 17% ) dopo un totale di 10 anni di intervento combinato e follow-up osservazionale.

Sono stati riportati i risultati di follow-up completo a 15 anni.

Sono stati osservati i partecipanti arruolati ( coorte completa ) dopo la conclusione della sperimentazione clinica originale usando database centrali per identificare eventi cardiovascolari, ricoveri e decessi.
Ai partecipanti è stato chiesto se sarebbero stati disposti a fornire dati aggiuntivi mediante indagine e revisioni delle cartelle cliniche ( coorte di indagine ).

L'esito primario prespecificato era un composito di eventi cardiovascolari maggiori, tra cui infarto miocardico non-fatale, ictus non-fatale, insufficienza cardiaca congestizia nuova o in peggioramento, amputazione per cancrena ischemica e morte per cause cardiovascolari.
La morte per qualsiasi causa era un esito secondario prespecificato.

C'erano 1.655 partecipanti nella coorte completa e 1.391 nella coorte di indagine.

Durante lo studio ( che originariamente ha arruolato 1.791 partecipanti ), la separazione delle curve di emoglobina glicata tra il gruppo di terapia intensiva ( n=892 ) e il gruppo di terapia standard ( n=899 ) ha registrato una media di 1.5 punti percentuali e questa differenza è scesa da 0.2 a 0.3 punti percentuali entro 3 anni dalla fine dello studio.

Per un periodo di 15 anni di follow-up ( trattamento attivo più osservazione post-studio ), i rischi di eventi cardiovascolari maggiori o morte non sono risultati più bassi nel gruppo di terapia intensiva rispetto al gruppo di terapia standard ( hazard ratio per l'esito primario, HR=0.91; P=0.23; hazard ratio per morte, HR=1.02 ).

Il rischio di esiti di malattie cardiovascolari maggiori si è ridotto, comunque, durante un intervallo esteso di separazione delle curve di emoglobina glicata ( HR=0.83 ), ma questo beneficio non è continuato dopo l'equalizzazione dei livelli di emoglobina glicata ( HR=1.26 ).

I partecipanti con diabete di tipo 2 che erano stati assegnati in modo casuale al controllo intensivo del glucosio per 5.6 anni hanno mostrato un rischio inferiore di eventi cardiovascolari rispetto a quelli che avevano ricevuto la terapia standard solo durante il periodo prolungato in cui le curve di emoglobina glicata erano separate.
Non vi è stata evidenza di un legacy effect, cioè di un effetto di eredità, o di un beneficio sulla mortalità con un controllo intensivo del glucosio. ( Xagena2019 )

Reaven PD et al, N Engl J Med 2019; 380: 2215-2224

Endo2019



Indietro