Xagena Mappa
A Focus on CV
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Dapagliflozin ed esiti cardiaci, renali e degli arti nei pazienti con e senza arteriopatia periferica nello studio DECLARE-TIMI 58


I pazienti con malattia arteriosa periferica ( PAD ) sono maggiormente a rischio di complicanze cardiovascolari.
L'inibitore del cotrasportatore sodio-glucosio 2 [ SGLT2 ] Dapagliflozin ( Forxiga ) riduce il rischio di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca ed eventi renali nei pazienti con diabete mellito di tipo 2.

Un aumento del rischio di amputazione è stato osservato con Canagliflozin in uno studio precedente.
È stata esaminata l'efficacia cardiovascolare e renale e il rischio di eventi correlati agli arti nei pazienti con e senza arteriopatia periferica degli arti inferiori in una analisi esplorativa.

Sono stati randomizzati in totale 17.160 pazienti con diabete mellito di tipo 2, di cui 1.025 ( 6% ) con arteriopatia periferica.
I principali esiti di efficacia sono stati gli eventi MACE ( morte cardiovascolare, infarto miocardico, ictus ), morte cardiovascolare / ospedalizzazione per scompenso cardiaco e progressione della malattia renale.
Le amputazioni, la rivascolarizzazione periferica e gli eventi avversi ischemici degli arti sono stati segnalati dal Centro e classificati da un revisore in cieco.

I pazienti nel braccio placebo con arteriopatia periferica rispetto a quelli senza hanno mostrato un rischio aggiustato più elevato di morte cardiovascolare, infarto miocardico o ictus ( hazard ratio aggiustato, aHR, 1.23, P=0.094 ) e rischio aggiustato significativamente più alto di morte cardiovascolare / ospedalizzazione per scompenso cardiaco ( aHR=1.60, P=0.0010 ) e progressione della malattia renale ( aHR=1.51, P=0.0058 ) ed eventi avversi agli arti ( aHR=8.37, P minore di 0.001 ).

Le riduzioni del rischio relativo con Dapagliflozin per morte cardiovascolari / ospedalizzazione per scompenso cardiaco ( HR, 0.86, PAD; HR, 0.82, no-PAD; interazione P=0.79 ) e progressione della malattia renale ( HR, 0.78, PAD; HR, 0.76, no-PAD; interazione P=0.84 ) sono state costanti indipendentemente dalla malattia arteriosa periferica.

Ci sono stati 560 pazienti che hanno avuto almeno 1 evento ischemico degli arti, 454 pazienti con almeno 1 rivascolarizzazione periferica e 236 pazienti con almeno 1 amputazione, per un totale di 407 amputazioni riportate.

Nel complesso, non sono state riscontrate differenze significative negli esiti degli arti con Dapagliflozin rispetto al placebo, inclusi eventi avversi ischemici degli arti ( HR, 1.07 ) e amputazione ( HR, 1.09 ), senza interazioni significative in base a una storia di malattia arteriosa periferica rispetto a nessuna arteriopatia periferica ( interazioni P=0.30 e 0.093, rispettivamente ).

I pazienti con arteriopatia periferica rispetto a quelli senza malattia arteriosa periferica hanno un rischio più elevato di morte cardiovascolare, ospedalizzazione per insufficienza cardiaca ed esiti renali e hanno consistenti benefici per morte cardiovascolare / ospedalizzazione per insufficienza cardiaca e progressione della malattia renale con Dapagliflozin.
I pazienti con malattia arteriosa periferica presentano un rischio più elevato di eventi agli arti, senza un modello costante di rischio incrementale osservato con Dapagliflozin. ( Xagena2020 )

Bonaca MP et al, Circulation 2020; 142: 734-747

Cardio2020 Endo2020 Nefro2020 Farma2020


Indietro