A Focus on CV
EASD 2017
EASD 2017
Xagena Mappa

Diabete mellito di tipo 2: basso rischio di amputazione degli arti inferiori con gli inibitori di SGLT-2


I nuovi utilizzatori di inibitori SGLT-2 ( co-trasportatore di sodio-glucosio di tipo 2 ) possono essere più soggetti ad amputazione degli arti inferiori rispetto agli utilizzatori di altri trattamenti per il diabete mellito di tipo 2, come sulfoniluree, Metformina e tiazolidinedioni.

I risultati degli studi clinici suggeriscono che Canagliflozin ( Invokana ), un inibitore di SGLT-2 per il trattamento del diabete mellito di tipo 2, può essere associato all'amputazione degli arti inferiori.

Poiché tutti gli inibitori di SGLT-2 condividono meccanismi di azione simili, un alert per amputazioni come effetto di classe è stato applicato a tutti gli inibitori di SGLT-2 dopo la revisione dei dati degli studi clinici.

Uno studio promosso da ricercatori del Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health a Baltimora negli Stati Uniti, ha integrato questo corpus di prove studiando il rischio di amputazione degli arti inferiori con tre inibitori di SGLT-2, e includendo una serie di risultati aggiuntivi di interesse per pazienti, medici e regolatori.

Oltre a Canagliflozin sono stati approvati anche Dapagliflozin ( Forxiga ) ed Empagliflozin ( Jardiance ), ma la loro influenza sulle amputazioni non è nota.

Uno studio retrospettivo di coorte ha valutato gli effetti di tutti e tre gli inibitori SGLT-2 sull'amputazione degli arti inferiori, arteriopatia periferica, osteomielite e ulcera venosa tra i pazienti con diabete mellito di tipo 2, rispetto agli inibitori della dipeptidil peptidasi 4 ( DPP-4 ), agonisti del peptide 1 simil-glucagone ( GLP-1 ), e altri antidiabetici, tra cui sulfonilurea, Metformina e tiazolidinedioni.

Sono stati studiati 953.906 pazienti ( età media, 51.8 anni ); di questi il 4.2% ( n=39.869 ) erano nuovi utilizzatori di inibitori di SGLT-2, l'11% ( n=105.023 ) erano nuovi utilizzatori di inibitori di DPP-4 e il 4.1% ( n=39.120 ) erano nuovi utilizzatori di agonisti di GLP-1.

I partecipanti sono stati tenuti sotto osservazione per un intervallo mediano da 99 giorni a 127 giorni.

Le amputazioni degli arti inferiori sono risultate rare, con tassi grezzi di incidenza che variavano da 4.9 a 10.000 anni-persona per i pazienti che facevano uso di Metformina, sulfoniluree e tiazolidinedioni a 10.53 per 10.000 anni-persona per i nuovi utilizzatori di inibitori SGLT-2.

I dati hanno mostrato che i nuovi utilizzatori di inibitori SGLT-2 avevano un rischio più elevato di amputazione rispetto ai nuovi utilizzatori di inibitori della DPP-4 ( hazard ratio aggiustato, aHR=1.5, IC 95%, 0.85-2.67 ) e agonisti di GLP-1 ( aHR=1.47; IC 95%, 0.64-3.36 ) dopo aver pesato il punteggio di propensione e aggiustato per i dati demografici, gravità del diabete, comorbidità e farmaci.

Al contrario, i nuovi utilizzatori di inibitori di SGLT-2 hanno presentato un rischio significativo di amputazione rispetto a sulfoniluree, Metformina o tiazolidinedioni ( aHR=2.12, IC 95%, 1.19-3.77 ).

I risultati sono rimasti coerenti nelle analisi di sensibilità.

Data l'incertezza riguardo alla reale natura dell'associazione tra gli inibitori SLGT-2 e l'amputazione degli arti inferiori, è necessario bilanciare i potenziali rischi di questi prodotti con i benefici. ( Xagena2018 )

Fonte: JAMA Internal Medicine, 2018

Endo2018 Chiru2018 Farma2018


Indietro