A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it

Dulaglutide come terapia aggiuntiva agli inibitori di SGLT2 nei pazienti con diabete di tipo 2 non-controllato in modo adeguato: studio AWARD-10


Gli agonisti del recettore di GLP-1 ( glucagon-like peptide 1 ) e gli inibitori del co-trasportatore sodio-glucosio di tipo 2 ( SGLT2 ) migliorano il controllo glicemico e riducono il peso corporeo nei pazienti con diabete di tipo 2 attraverso diversi meccanismi.

Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia dell'aggiunta dell’agonista del recettore di GLP-1 Dulaglutide ( Trulicity ) una volta a settimana al regime di trattamento in corso nei pazienti il ​​cui diabete mellito non era adeguatamente controllato con inibitori SGLT2, con o senza Metformina.

Lo studio di 24 settimane di fase 3b, in doppio cieco, controllato con placebo AWARD-10 è stato condotto in 40 Centri clinici in Austria, Repubblica Ceca, Germania, Ungheria, Israele, Messico, Spagna e Stati Uniti.

Pazienti adulti idonei a partire da 18 anni di età con diabete di tipo 2 non adeguatamente controllato ( concentrazione di HbA1c [ emoglobina glicata ] maggiore o uguale a 7.0%, 53 mmol/mol e minore o uguale a 9.5%, 80 mmol/mol ), un indice BMI ( indice di massa corporea ) di 45 kg/m2 o meno, che prendevano dosi stabili ( per più di 3 mesi ) di un inibitore SGLT2 con o senza Metformina, sono stati assegnati in modo casuale a iniezioni sottocutanee di Dulaglutide 1.5 mg, Dulaglutide 0.75 mg oppure a placebo una volta a settimana per 24 settimane.

L'obiettivo principale è stato quello di testare la superiorità di Dulaglutide ( 1.5 mg o 0.75 mg ), rispetto al placebo, per la variazione della concentrazione di HbA1c dal basale a 24 settimane.

Tra il 2015 e il 2017, 424 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Dulaglutide 1.5 mg ( n=142 ), Dulaglutide 0.75 mg ( n=142 ) e placebo ( n=140 ).
Un paziente del gruppo Dulaglutide 0.75 mg è stato escluso dall'analisi perché non ha ricevuto alcuna dose del farmaco in studio.

La riduzione della concentrazione di HbA1c a 24 settimane è stata maggiore nei pazienti trattati con Dulaglutide ( media dei minimi quadrati LSM ( Least Squares Method ) per Dulaglutide 1.5 mg -1.34% o -14.7 mmol/mol; Dulaglutide 0.75 mg -1.21% o -13.2 mmol/mol ) rispetto ai pazienti trattati con placebo ( -0.54% o -5.9 mmol/mol; P minore di 0.0001 per entrambi i gruppi vs placebo ).

Le differenze di LSM sono state -0.89% o -8.6 mmol/mol per Dulaglutide 1.5 mg e -0.66% o -7.2 mmol/mol per Dulaglututide 0.75 mg ( P minore di 0.0001 per entrambi ).

Eventi avversi gravi sono stati segnalati per 5 ( 4% ) pazienti nel gruppo Dulaglutide 1.5 mg, 3 ( 2% ) pazienti nel gruppo Dulaglutide 0.75 mg e 5 ( 4% ) pazienti nel gruppo placebo.

Gli eventi avversi emergenti dal trattamento sono stati più comuni nei pazienti trattati con Dulaglutide rispetto ai pazienti trattati con placebo, principalmente a causa di un aumento dell'incidenza di eventi avversi gastrointestinali.

Nausea ( 21 pazienti, 15%, nel gruppo Dulaglutide 1.5 mg vs 7, 5%, nel gruppo Dulaglutide 0.75 mg vs 5, 4%, nel gruppo placebo ), diarrea ( 8, 6%, vs 14, 10%, vs 4, 3% ) e vomito ( 5, 4%, vs 4, 3%, vs 1, 1% ) sono stati più comuni con Dulaglutide rispetto al placebo.
Un episodio di ipoglicemia grave è stato riportato nel gruppo Dulaglutide 0.75 mg.
2 pazienti ( 1% ) trattati con Dulaglutide 1.5 mg sono deceduti, ma questi decessi non sono stati considerati correlati al farmaco in studio; nessun decesso si è verificato negli altri gruppi.

Dulaglutide come trattamento aggiuntivo agli inibitori di SGLT2 con o senza Metformina ha portato a miglioramenti significativi e clinicamente rilevanti nel controllo glicemico, con tollerabilità accettabile che è coerente con il profilo di sicurezza stabilito di Dulaglutide. ( Xagena2018 )

Ludvik B et al, Lancet Diabetes Endocrinol 2018; 6: 370-381

Endo2018 Farma2018


Indietro