A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it

Effetti dell'Acarbosio sugli esiti cardiovascolari e del diabete in pazienti con malattia coronarica e ridotta tolleranza al glucosio


L'effetto dell'inibitore dell'alfa-glucosidasi Acarbosio ( Glucobay ) sugli esiti cardiovascolari nei pazienti con malattia coronarica e ridotta tolleranza al glucosio è sconosciuto.
Si è valutato se l'Acarbosio possa ridurre la frequenza degli eventi cardiovascolari nei pazienti cinesi con cardiopatia coronarica accertata e ridotta tolleranza al glucosio, e se l'incidenza del diabete mellito di tipo 2 possa essere ridotta.

Lo studio ACE ( Acarbose Cardiovascular Evaluation ) era uno studio di fase 4, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, con pazienti reclutati da 176 cliniche ambulatoriali in Cina.
I pazienti cinesi con malattia coronarica e ridotta tolleranza al glucosio sono stati assegnati casualmente a ricevere Acarbosio orale ( 50 mg tre volte al giorno ) oppure placebo, aggiunto alla terapia di prevenzione secondaria cardiovascolare standardizzata.

L'esito primario era un composito in 5 punti di morte cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale, ictus non-fatale, ricovero ospedaliero per angina instabile e ricovero ospedaliero per insufficienza cardiaca, analizzati nella popolazione intention-to-treat ( tutti i partecipanti assegnati in modo casuale al trattamento che hanno fornito il consenso informato scritto ).
Gli esiti secondari erano un esito composito in 3 punti ( morte cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale e ictus non-fatale ), morte per qualsiasi causa, morte cardiovascolare, infarto miocardico fatale o non-fatale, ictus fatale o non-fatale, ricovero ospedaliero per angina instabile, ricovero ospedaliero per insufficienza cardiaca, sviluppo del diabete mellito e sviluppo di funzionalità renale compromessa.
La popolazione di sicurezza comprendeva tutti i pazienti che avevano ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.

Tra il 2009 e il 2015, 6.522 pazienti sono stati assegnati in modo casuale e inclusi nella popolazione intention-to-treat, 3.272 assegnati ad Acarbosio e 3.250 a placebo.
I pazienti sono stati seguiti per una media di 5.0 anni in entrambi i gruppi.

L'esito primario composito in 5 punti si è verificato in 470 ( 14%, 3.33 per 100 anni-persona ) su 3.272 partecipanti al gruppo Acarbosio e in 479 ( 15%, 3.41 per 100 anni-persona ) su 3.250 partecipanti al gruppo placebo ( hazard ratio, HR=0.98; P=0.73 ).

Non sono state osservate differenze significative tra i gruppi di trattamento per l'esito composito in 3 punti secondario, morte per qualsiasi causa, morte cardiovascolare, infarto miocardico fatale o non-fatale, ictus fatale o non-fatale, ricovero ospedaliero per angina instabile, ricovero ospedaliero per insufficienza cardiaca o funzionalità renale compromessa.

Il diabete mellito si è sviluppato meno frequentemente nel gruppo Acarbosio ( 436 su 3.272, 13%; 3.17 per 100 anni-persona ) rispetto al gruppo placebo ( 513 su 3.250, 16%; 3.84 ogni 100 anni-persona; rate ratio, RR=0.82, P=0.005 ).

I disturbi gastrointestinali sono stati: l'evento avverso più comune associato all'interruzione o alla modifica della dose ( 215 su 3.263 pazienti, 7%, nel gruppo Acarbosio vs 150 su 3.241, 5%, nel gruppo placebo, P=0.0007; popolazione di sicurezza ).
Il numero di decessi non-cardiovascolari ( 71 su 3.272, 2%, vs 56 su 3.250, 2%, P=0.19 ) e il numero di decessi per cancro ( 10 su 3.272, inferiore a 1%, vs 12 su 3.250, inferiore a 1%, P=0.08 ) non differivano tra i gruppi.

Nei pazienti cinesi con malattia coronarica e ridotta tolleranza al glucosio, l'Acarbosio non ha ridotto il rischio di eventi avversi cardiovascolari maggiori, ma ha ridotto l'incidenza del diabete mellito. ( Xagena2017 )

Holman RR et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2017; 5: 877-886

Endo2017 Cardio2017 Farma2017


Indietro