A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it

Effetti dell'inibitore SGLT2 Dapagliflozin sul colesterolo HDL, sulla dimensione delle particelle e sulla capacità di efflusso del colesterolo nei pazienti con diabete mellito di tipo 2


Gli inibitori del co-trasportatore sodio-glucosio di tipo 2 ( SGLT2i ) riducono i livelli di glicemia, il peso corporeo e la pressione arteriosa, con possibile conseguente protezione cardiovascolare.

Negli studi di fase III, gli inibitori SGLT2 hanno mostrato di aumentare il colesterolo HDL. Si è valutato se SGLT2i Dapagliflozin influisca sulla funzione delle HDL ( lipoproteine ad alta densità ) in uno studio randomizzato controllato con placebo.

Sono stati randomizzati 33 pazienti con diabete mellito di tipo 2 a ricevere Dapagliflozin 10 mg oppure placebo per 12 settimane in aggiunta ai farmaci ipoglicemizzanti.

L'endpoint primario era la variazione della capacità di efflusso di colesterolo dai macrofagi al termine dello studio rispetto al basale.
Gli endpoint secondari erano cambiamenti in: distribuzione delle sottofrazioni di HDL, profilo lipidico, attività degli enzimi di mediazione delle proprietà antiossidanti di HDL ( PON1 [ paraoxonasi 1 ] e ARE ) e metabolismo del colesterolo ( CETP, proteina di trasferimento degli esteri del colesterolo ), emoglobina glicata [ HbA1c ], peso corporeo e composizione.

Hanno completato lo studio 31 pazienti, 16 nel gruppo placebo e 15 nel gruppo Dapagliflozin.
I pazienti randomizzati a Dapagliflozin erano più anziani e avevano indici di adiposità più bassi, sebbene queste differenze siano scomparse dopo la correzione per test multipli.

La terapia con Dapagliflozin ha ridotto i valori di emoblogina glicata dello 0.9% e il peso corporeo di 3.1 kg, principalmente attribuibile alla riduzione dell'acqua corporea e della massa magra.

Rispetto al placebo, Dapagliflozin ha ridotto la capacità di efflusso di colesterolo ( -6.7% vs 0.3%, P=0.043 ), ma questo effetto ha perso di significatività dopo aggiustamento per età e indice di massa corporea.

Nessun cambiamento è stato rilevato nel colesterolo HDL, nelle sottofrazioni di HDL, nelle attività di PON1, ARE e CETP.

In conclusione, nonostante miglioramenti nel controllo della glicemia e nella riduzione del peso corporeo, la terapia con Dapagliflozin non ha esercitato effetti significativi sui livelli di colesterolo HDL e sulla funzionalità di HDL. ( Xagena2017 )

Fadini GP et al, Cardiovasc Diabetol 2017; 16: 42. doi: 10.1186/s12933-017-0529-3.

Endo2017 Cardio2017 Farma2017


Indietro