A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it

Effetti di Sotagliflozin aggiunto all'Insulina in pazienti con diabete di tipo 1


Nella maggior parte dei pazienti con diabete mellito di tipo 1, non si ottiene un adeguato controllo glicemico con la sola terapia insulinica.
Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia di Sotagliflozin, un inibitore orale dei cotrasportatori di sodio e glucosio 1 e 2, in combinazione con il trattamento con insulina in pazienti con diabete di tipo 1.

È stato condotto uno studio di fase 3, in doppio cieco, in 133 centri in tutto il mondo, in cui sono stati assegnati casualmente 1.402 pazienti con diabete di tipo 1 che stavano ricevendo un trattamento con qualsiasi terapia insulinica ( pompa o iniezioni ) a ricevere Sotagliflozin ( 400 mg al giorno ) oppure placebo per 24 settimane.

L'endpoint primario era un livello di emoglobina glicata inferiore al 7.0% alla settimana 24, senza episodi di grave ipoglicemia o chetoacidosi diabetica dopo la randomizzazione.
Gli endpoint secondari comprendevano il cambiamento rispetto al basale del livello di emoglobina glicata, il peso, la pressione sistolica e la dose media giornaliera di bolo di Insulina.

Una percentuale significativamente maggiore di pazienti nel gruppo Sotagliflozin rispetto al gruppo placebo ha raggiunto l'endpoint primario ( 200 su 699 pazienti, 28.6%, vs 107 su 703, 15.2%; P minore di 0.001 ).

La variazione media dei minimi quadrati rispetto al basale è stata significativamente maggiore nel gruppo Sotagliflozin rispetto al gruppo placebo per emoglobina glicata ( differenza, -0.46 punti percentuali ), peso ( -2.98 kg ), pressione arteriosa sistolica ( -3.5 mm Hg ) e dose media giornaliera di bolo di Insulina ( -2.8 unità al giorno ) ( P minore o uguale a 0.002 per tutti i confronti ).

Il tasso di ipoglicemia grave è stato simile nel gruppo Sotagliflozin e nel gruppo placebo (3.0%, 21 pazienti, e 2.4%, 17 pazienti, rispettivamente). Il tasso di ipoglicemia documentata con un livello di glucosio nel sangue di 55 mg per decilitro (3.1 mmol per litro) o inferiore è stato significativamente inferiore nel gruppo Sotagliflozin rispetto al gruppo placebo. Il tasso di chetoacidosi diabetica è stato più alto nel gruppo Sotagliflozin rispetto al gruppo placebo (3.0%, 21 pazienti, e 0.6%, 4 pazienti, rispettivamente).

In conclusione, tra i pazienti con diabete di tipo 1 che stavano ricevendo Insulina, la proporzione di pazienti che hanno raggiunto un livello di emoglobina glicata inferiore al 7.0% senza ipoglicemia grave o chetoacidosi diabetica è stata maggiore nel gruppo che aveva ricevuto Sotagliflozin rispetto al gruppo placebo.
Tuttavia, il tasso di chetoacidosi diabetica è stato più alto nel gruppo Sotagliflozin. ( Xagena2017 )

Garg SK et al, N Engl J Med 2017; 377: 2337-2348

Endo2017 Farma2017


Indietro