A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase

Efficacia dei tocotrienoli misti orali nella neuropatia diabetica periferica


La gestione della neuropatia diabetica periferica dolorosa rimane difficile. La maggior parte delle terapie fornisce sollievo sintomatico con vari gradi di efficacia.
I tocotrienoli hanno effetti modulatori sulla via della neuropatia e possono ridurre i sintomi neuropatici con le loro attività antiossidanti e antinfiammatorie.

È stata valutata l'efficacia dei tocotrienoli misti per via orale nei pazienti con neuropatia diabetica periferica.

Lo studio VENUS ( Vitamin E in Neuroprotection Study ) è ​​stata una sperimentazione parallela, in doppio cieco, controllata con placebo che ha reclutato partecipanti dal 2011 al 2014, con 12 mesi di follow-up.

Lo studio ha esaminato 14.289 pazienti con diabete mellito di 6 cliniche e ambulatori di 5 ospedali pubblici in Malesia.

In totale 391 pazienti che hanno riportato sintomi neuropatici sono stati ulteriormente valutati con la scala TSS ( Total Symptom Score ) e la scala NIS ( Neuropathy Impairment Score ).
Sono stati reclutati pazienti di 20 anni o più con un punteggio TSS di 3 o superiore e un NIS di 2 o superiore.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere 200 mg di tocotrienoli misti due volte al giorno o un placebo per 12 mesi.
I pazienti con iperomocisteinemia ( livello di omocisteina maggiore o uguale a 2.03 mg/l ) hanno ricevuto Acido Folico per via orale 5 mg una volta al giorno, e Metilcobalamina 500 mg tre volte al giorno, in entrambi i gruppi.

L'esito primario era la neuropatia riferita dal paziente mediante la scala TSS ( dolore lancinante, bruciore, parestesia e insonnia ) a 12 mesi.
I risultati secondari erano i valori alla scala NIS e il risultato del test di conduzione del nervo sensoriale.

Sono stati reclutati 300 pazienti ( 130 maschi, 43.3%, età media, 57.6 anni, durata media del diabete, 11.4 anni ) e 229 ( 76.3% ) hanno completato lo studio.

Le variazioni di TSS tra i gruppi tocotrienoli e placebo a 12 mesi ( -0.30, P=0.49 ) erano simili.

Non sono state riscontrate differenze significative nel punteggio NIS ( 0.60; P=0.53 ) e nelle valutazioni del test di conduzione del nervo sensoriale tra i due gruppi.

Nelle analisi dei sottogruppi post hoc, i tocotrienoli hanno ridotto il dolore lancinante nei pazienti con livelli di emoglobina A1C ( emoglobina glicata ) superiori all'8% ( P=0.03 ) e normo-omocisteinemia ( livello di omocisteina inferiore a 2.03 mg/l; P=0.008 ) a 1 anno.

Gli eventi avversi gravi in ​​entrambi i gruppi sono stati simili, a parte il fatto che sono state osservate più infezioni nel gruppo dei tocotrienoli ( 6.7% vs 0.7%, P=0.04 ).

In conclusione, l’integrazione di tocotrienoli misti orali, 400 mg/die per 1 anno, non ha migliorato i sintomi neuropatici complessivi.
Le osservazioni preliminari sul dolore lancinante tra i sottogruppi di pazienti richiedono ulteriori approfondimenti. ( Xagena2018 )

The Vitamin E in Neuroprotection Study ( VENUS ) Investigators, JAMA Neurol 2018; 75: 444-452

Neuro2018 Endo2018 Farma2018


Indietro