A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it

Efficacia e sicurezza di Semaglutide una volta a settimana rispetto a Sitagliptin una volta al giorno in aggiunta a Metformina, tiazolidinedioni o entrambi, in pazienti con diabete di tipo 2: studio SUSTAIN 2


Semaglutide ( Ozempic ) è un nuovo analogo di GLP-1 ( glucagone-like peptide-1 ), adatto alla somministrazione sottocutanea una volta alla settimana, per il trattamento del diabete mellito di tipo 2.
Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Semaglutide rispetto all’inibitore della dipeptidil peptidasi-4 ( DPP-4 ) Sitagliptin ( Januvia ) in pazienti con diabete mellito di tipo 2 non-controllato in modo adeguato con Metformina, tiazolidinedioni o entrambi.

È stato effettuato uno studio di 56 settimane, di fase 3a, randomizzato, in doppio cieco, con controllo attivo, a gruppi paralleli, multinazionale e multicentrico ( SUSTAIN 2 ) in 128 Centri in 18 Paesi.
I pazienti eleggibili avevano un'età minima di 18 anni ( o almeno 20 anni in Giappone ) e avevano diagnosi di diabete mellito di tipo 2, con insufficiente controllo glicemico ( emoglobina glicata [ HbA1c ] 7.0-10.5%, 53.0-91.0 mmol/mol ) nonostante il trattamento stabile con Metformina, tiazolidinedioni o entrambi.

I partecipanti sono stati assegnati a caso a 56 settimane di trattamento con Semaglutide per via sottocutanea 0.5 mg una volta a settimana più Sitagliptin placebo orale una volta al giorno, Semaglutide per via sottocutanea 0.1 mg una volta a settimana più Sitagliptin placebo orale una volta al giorno, Sitagliptin per via orale 100 mg una volta al giorno più Semaglutide placebo per somministrazione sottocutanea 0.5 mg una volta alla settimana o Sitagliptin per via orale 100 mg una volta al giorno più Semaglutide placebo per via sottocutanea 1.0 mg una volta alla settimana.

I dati dei due gruppi con Sitagliptin orale da 100 mg ( con Semaglutide placebo 0.5 mg e 1.0 mg ) sono stati raggruppati per le analisi.

L'endpoint primario era il cambiamento nell'emoglobina glicata dal basale alla settimana 56; il cambiamento del peso corporeo dal basale alla settimana 56 era l'endpoint secondario di conferma.
Gli endpoint di sicurezza hanno incluso eventi avversi ed episodi ipoglicemici.

Tra il 2013 e il 2015, sono stati assegnati a caso 1.231 partecipanti; dei 1225 inclusi nell'analisi intention-to-treat modificata, 409 hanno ricevuto Semaglutide 0.5 mg, 409 hanno ricevuto Semaglutide 1.0 mg e 407 hanno ricevuto Sitagliptin 100 mg.

Il valore medio di emoglobina glicata al basale è stato pari all'8.1%; alla settimana 56, il valore di HbA1c si è ridotto dell’1.3% nel gruppo Semaglutide 0.5 mg, dell'1.6% nel gruppo Semaglutide 1.0 mg e dello 0.5% con Sitagliptin ( differenza di trattamento stimata vs Sitagliptin -0.77% con Semaglutide 0.5 mg e -1.06% con Semaglutide 1.0 mg; P minore di 0.0001 per la non-inferiorità e per la superiorità, per entrambi le dosi di Semaglutide vs Sitagliptin ).

Il peso corporeo medio al basale era pari a 89.5 kg; alla settimana 56, il peso corporeo si era ridotto di 4.3 kg con Semaglutide 0.5 mg, di 6.1 kg con Semaglutide 1.0 mg e di 1.9 kg con Sitagliptin ( differenza di trattamento stimata vs Sitagliptin -2.35 kg con Semaglutide 0.5 mg e -4.20 kg con Semaglutide 1.0 mg; P minore di 0.0001 per superiorità, per entrambe le dosi di Semaglutide vs Sitagliptin ).

La proporzione di pazienti che hanno interrotto il trattamento a causa di eventi avversi è stata di 33 ( 8% ) per Semaglutide 0.5 mg, 39 ( 10% ) per Semaglutide 1.0 mg e 12 ( 3% ) per Sitagliptin.

Gli eventi avversi più frequentemente riportati in entrambi i gruppi di Semaglutide sono stati di natura gastrointestinale: la nausea è stata riportata in 73 pazienti ( 18% ) che hanno ricevuto Semaglutide 0.5 mg, 72 ( 18% ) che hanno ricevuto Semaglutide 1.0 mg e 30 ( 7% ) che hanno ricevuto placebo e la diarrea è stata riportata in 54 ( 13% ) che hanno ricevuto Semaglutide 0.5 mg, 53 ( 13% ) che hanno ricevuto Semaglutide 1.0 mg e 29 ( 7% ) che hanno ricevuto placebo.

7 pazienti ( 2% ) nel gruppo Semaglutide 0.5 mg, 2 ( inferiore a 1% ) nel gruppo Semaglutide 1.0 mg e 5 ( 1% ) nel gruppo Sitagliptin avevano ipoglicemia confermata dai valori glicemici

Ci sono stati 6 eventi fatali ( 2 nel gruppo Semaglutide 0.5 mg, 1 nel gruppo Semaglutide 1.0 mg e 3 nel gruppo Sitagliptin ); nessuno è stato considerato correlato ai farmaci impiegati nella sperimentazione.

Semaglutide una volta a settimana è risultata superiore a Sitagliptin nel migliorare il controllo glicemico e nel ridurre il peso corporeo nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 trattati con Metformina, tiazolidinedioni o entrambi, e ha mostrato un profilo di sicurezza simile a quello di altri agonisti del recettore GLP-1.
Semaglutide sembra essere una opzione di trattamento aggiuntivo efficace per questa popolazione di pazienti. ( Xagena2017 )

Ahrén B et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2017; 5: 341-354

Endo2017 Farma2017


Indietro