A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it

Empagliflozin ed esiti clinici nei pazienti con diabete mellito di tipo 2, malattia cardiovascolare accertata e malattia renale cronica


Empagliflozin ( Jardiance ), un inibitore del cotrasportatore sodio glucosio di tipo 2 ( SGLT2 ), ha ridotto la morbilità cardiovascolare e mortalità nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e patologia cardiovascolare accertata nello studio EMPA-REG OUTCOME ( Empagliflozin Cardiovascular Outcome Trial in Type 2 Diabetes Mellitus Patients ).

L'escrezione urinaria di glucosio con Empagliflozin diminuisce con il declino della funzionalità renale, con conseguente minore efficacia dell'abbassamento del glucosio nei pazienti con malattia renale.
Sono stati studiati gli effetti di Empagliflozin sugli esiti clinici in pazienti con diabete mellito di tipo 2, malattia cardiovascolare accertata e malattia renale cronica.

I pazienti con diabete mellito di tipo 2, malattia cardiovascolare stabilita e velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) maggiore o uguale a 30 ml x min-1 x 1.73 m-2 allo screening sono stati randomizzati a ricevere Empagliflozin 10 mg, Empagliflozin 25 mg o placebo una volta al giorno in aggiunta allo standard di cura.

Sono state analizzate morte cardiovascolare, ospedalizzazione per insufficienza cardiaca, ospedalizzazione per tutte le cause e mortalità per tutte le cause in pazienti con malattia renale prevalente ( definita come eGFR inferiore a 60 ml x min-1 x 1.73 m-2 e/o rapporto albumina / creatinina nelle urine superiore a 300 mg/g ) al basale.
Ulteriori analisi sono state eseguite in sottogruppi in base a eGFR basale ( inferiore a 45, da 45 a inferiore a 60, da 60 a inferiore a 90, maggiore o uguale a 90 ml x min-1 x 1.73 m-2 ) e rapporto basale albumina / creatinina nelle urine ( superiore a 300, da 30 a inferiore o uguale a 300, inferiore a 30 mg/g ).

Su 7.020 pazienti trattati, 2.250 pazienti avevano una malattia renale prevalente al basale, di cui il 67% aveva una diagnosi di diabete mellito di tipo 2 da più 10 anni, il 58% stava ricevendo Insulina e l'84% stava assumendo inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina ( Ace inibitori ) o bloccanti del recettore dell'angiotensina ( sartani ).

Nei pazienti con malattia renale prevalente al basale, Empagliflozin ha ridotto il rischio di morte cardiovascolare del 29% rispetto al placebo ( hazard ratio, HR=0.71 ), il rischio di mortalità per tutte le cause del 24% ( HR=0.76 ), il rischio di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca del 39% ( HR=0.61 ) e il rischio di ospedalizzazione per tutte le cause del 19% ( HR=0.81 ).

Gli effetti di Empagliflozin su questi risultati sono stati coerenti tra le categorie di eGFR e il rapporto albumina / creatinina urinarie al basale e tra le due dosi studiate.

Il profilo degli eventi avversi di Empagliflozin in pazienti con eGFR inferiore a 60 ml x min-1 x 1.73 m-2 è stato coerente con la popolazione complessiva dello studio.

In conclusione, Empagliflozin ha migliorato gli esiti clinici e ridotto la mortalità nei pazienti vulnerabili con diabete mellito di tipo 2, malattia cardiovascolare accertata e malattia renale cronica. ( Xagena2018 )

Wanner C et al, Circulation 2018; 137: 119-129

Cardio2018 Endo2018 Nefro2018 Farma2018


Indietro