Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Xagena Salute

Finerenone riduce il rischio di insufficienza cardiaca nei pazienti con malattia renale cronica e diabete di tipo 2: analisi dallo studio FIGARO-DKD


La malattia renale cronica e il diabete di tipo 2 sono associati indipendentemente all'insufficienza cardiaca ( HF ), una delle principali cause di morbilità e mortalità.
Negli studi FIDELIO-DKD ( Finerenone in Reducing Kidney Failure and Disease Progression in Diabetic Kidney Disease ) e FIGARO-DKD ( Finerenone in Reducing Cardiovascular Mortality and Morbidity in Diabetic Kidney Disease ), Finerenone [ Kerendia ] ( un antagonista selettivo del recettore dei mineralcorticoidi non-steroidei ) ha migliorato gli esiti cardiovascolari nei pazienti con malattia renale cronica albuminurica e diabete mellito di tipo 2.
Queste analisi predefinite da FIGARO-DKD hanno valutato l'effetto del Finerenone sugli esiti di insufficienza cardiaca clinicamente importanti.

Pazienti con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica albuminurica ( rapporto albumina / creatinina urinaria da maggiore o uguale a 30 a minore di 300 mg/g e velocità di filtrazione glomerulare stimata [ eGFR ] da maggiore o uguale a 25 a minore o uguale a 90 ml/min per 1.73 m2, o rapporto albumina / creatinina urinaria da maggiore o uguale a 300 a minore o uguale a 5.000 mg/g ed eGFR maggiore o uguale a 60 ml al minuto per 1.73 m2 ), senza insufficienza cardiaca sintomatica con frazione di eiezione ridotta, sono stati randomizzati a Finerenone oppure a placebo.

Gli esiti di tempo al primo evento hanno incluso insufficienza cardiaca di nuova insorgenza ( primo ricovero per insufficienza cardiaca [ HHF ] nei pazienti senza una storia di insufficienza cardiaca al basale ); morte cardiovascolare o prima ospedalizzazione per scompenso cardiaco; morte correlata a insufficienza cardiaca o primo ricovero HF; primo ricovero HF; morte cardiovascolare o ricoveri totali HF ( primo o ricorrente ); morte correlata a insufficienza cardiaca o ricoveri totali HF; e ricoveri totali HF.
Gli esiti sono stati valutati nella popolazione complessiva e in sottogruppi prespecificati classificati in base all'anamnesi di insufficienza cardiaca al basale ( come riportato dai ricercatori ).

Complessivamente, 7.352 pazienti sono stati inclusi in queste analisi; 571 ( 7.8% ) avevano una storia di scompenso cardiaco al basale.

L'insufficienza cardiaca di nuova insorgenza è stata significativamente ridotta con Finerenone rispetto al placebo ( 1.9% vs 2.8%; hazard ratio, HR 0.68; P=0.0162 ).

Nella popolazione complessiva, l'incidenza di tutti gli esiti di insufficienza cardiaca analizzati è risultata significativamente più bassa con Finerenone rispetto al placebo, includendo un rischio inferiore del 18% di morte cardiovascolare o primo ricovero ospedaliero ( HR, 0.82; P=0.011 ), un rischio inferiore del 29% di prima ospedalizzazione per scompenso cardiaco ( HR, 0.71; P=0.0043 ) e un tasso inferiore del 30% di ricoveri totali di insufficienza cardiaca ( rate ratio, RR 0.70 ).

Gli effetti del Finerenone sul miglioramento degli esiti di insufficienza cardiaca non sono stati modificati da una storia di insufficienza cardiaca.

L'incidenza di eventi avversi emergenti dal trattamento è stata bilanciata tra i gruppi di trattamento.

I risultati di queste analisi da FIGARO-DKD hanno dimostrato che il Finerenone riduce l'insufficienza cardiaca di nuova insorgenza e migliora altri esiti di insufficienza renale nei pazienti con malattia renale cronica e diabete mellito di tipo 2, indipendentemente da una storia di insufficienza cardiaca. ( Xagena2022 )

Filippatos G et al, Circulation 2022; 145: 437-447

Endo2022 Nefro2022 Cardio2022 Farma2022



Indietro