A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Neurobase.it

Inibizione di HMG-coenzima A reduttasi e aumentato rischio di diabete mellito di tipo 2 con le statine


Le statine aumentano il rischio di nuova insorgenza di diabete mellito di tipo 2.
Una ricerca ha valutato se tale aumento di rischio sia una conseguenza della inibizione della 3-idrossi-3-metilglutaril-CoA reduttasi ( HMGCR ), l'obiettivo previsto del fermaco.

Sono stati impiegati polimorfismi a singolo nucleotide nel gene HMGCR, rs17238484 ( per l'analisi principale ) e rs12916 ( per un'analisi secondaria ) come proxy per l'inibizione di HMGCR da parte delle statine.
Sono state esaminate le associazioni di queste varianti con lipidi plasmatici, glicemia e concentrazioni di insulina; peso corporeo; circonferenza vita; diabete mellito di tipo 2 prevalente e incidente.

Le stime dell’effetto studio-specifico per copia di ciascun allele ipocolesterolemizzante sono state raggruppate in una meta-analisi.
Questi risultati sono stati confrontati con una meta-analisi di dati riguardanti il diabete mellito di tipo 2 di nuova insorgenza e i cambiamenti del peso corporeo da studi randomizzati con le statine.
Gli effetti delle statine in ogni studio randomizzato sono stati valutati utilizzando una meta-analisi.

Erano disponibili dati per un massimo di 223.463 persone provenienti da 43 studi genetici.

Ogni ulteriore allele rs17238484-G era associato a un valore di colesterolo LDL più basso in media di 0.06 mmol/l e un più alto peso corporeo ( 0.30 kg ), circonferenza vita ( 0.32 cm ), concentrazione plasmatica di insulina ( 1.62% ) e concentrazione plasmatica di glucosio ( 0.23% ).

Il polimorfismo a singolo nucleotide di rs12916 ha esercitato effetti simili su colesterolo LDL, peso corporeo e circonferenza della vita.

L'allele rs17238484-G è sembrato essere associato a un più alto rischio di diabete mellito di tipo 2 ( odds ratio per allele, OR=1.02 ); l'associazione allele rs12916-T era coerente ( 1.06 ).

In 129.170 persone che hanno preso parte a studi randomizzati, le statine hanno abbassato il colesterolo LDL di 0.92 mmol/l nel corso di 1 anno di follow-up, aumentato il peso corporeo di 0.24 kg ( in tutti gli studi; 0.33 kg negli studi controllati con placebo o di cura standard, e -0.15 kg in studi con alte dosi vs dosi moderate ) in media dopo 4.2 anni di follow-up, e ha aumentato le probabilità di diabete di nuova insorgenza di tipo 2 ( OR=1.12 in tutti gli studi, OR=1.11 negli studi controllati con placebo o di cura standard e OR=1.12 in studi con alte dosi vs dosi moderate ).

L'aumento del rischio di diabete mellito di tipo 2 rilevato con le statine è almeno in parte spiegato con l'inibizione di HMGCR. ( Xagena2015 )

Swerdlow D et al, Lancet 2015;385:351-361

Endo2015 Farma2015


Indietro