A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it

Liraglutide riduce significativamente i principali eventi avversi cardiovascolari negli anziani con diabete di tipo 2


Da uno studio è emerso che i pazienti più anziani trattati con Liraglutide ( Victoza ) hanno dimostrato un rischio significativamente ridotto per i principali eventi avversi cardiovascolari e la morte per qualsiasi causa.

Le comorbidità e le complicazioni associate al diabete mellito di tipo 2 aumentano con l'età, rendendo difficile il trattamento di persone anziane con questa condizione.
I dati clinici sull'effetto del trattamento anti-iperglicemico sugli eventi cardiovascolari negli anziani sono limitati.

E' stata condotta una analisi post hoc dello studio LEADER ( Liraglutide Effect and Action in Diabetes: Evaluation of Cardiovascular Outcome Results ) per determinare l'effetto cardiovascolare di Liraglutide nei pazienti di età pari o superiore a 75 anni e di età compresa tra 60 e 74 anni con fattori di rischio cardiovascolare, rispetto al placebo.

E' stato valutato il tempo dal basale al primo evento avverso cardiovascolare maggiore ( MACE ), compresa la morte cardiovascolare, l'infarto miocardico non-fatale o l'ictus non-fatale, nonché la frequenza di eventi avversi gravi.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Liraglutide o placebo nello studio LEADER.
Di questi, 836 avevano 75 anni o più e 6.183 erano di età compresa tra 60 e 74 anni.

Indipendentemente dal trattamento, i pazienti di età pari o superiore a 75 anni hanno sperimentato più eventi MACE rispetto a quelli di età compresa tra 60 e 74 anni.
C'è stata una riduzione del rischio del 34% nella frequenza dei MACE e una riduzione del rischio del 29% nella frequenza degli eventi MACE espansi tra i pazienti di età pari o superiore a 75 anni trattati con Liraglutide rispetto a quelli trattati con placebo.
Queste riduzioni erano meno importanti nei pazienti di età compresa tra 60 e 74 anni.

Indipendentemente dall'età, nel gruppo Liraglutide si sono verificati un numero inferiore di altri esiti cardiovascolari rispetto al gruppo placebo.
Nei pazienti di età pari o superiore a 75 anni è stata riscontrata una riduzione del rischio del 35% nella mortalità per qualsiasi causa con il trattamento con Liraglutide rispetto al placebo.
Nei pazienti di età compresa tra 60 e 74 anni, la riduzione del rischio è stata del 6% nella mortalità per qualsiasi causa con il trattamento con Liraglutide rispetto al placebo.

Eventi avversi gravi sono stati riportati dal 63.5% dei pazienti di età pari o superiore a 75 anni e dal 49.5% di quelli di età compresa tra 60 e 74 anni.
Eventi medici non-gravi sono stati segnalati dal 61.7% dei pazienti di età pari o superiore a 75 anni e dal 49.8% di quelli di età compresa tra 60 e 74 anni.

Gli eventi avversi che si sono verificati più comunemente erano neoplasie ( 10.3% nei pazienti di età compresa tra 60 e 74 anni versus 14.2% con 75 anni o più ) e disturbi gastrointestinali, come diarrea ( 1.2% vs 2.8% ), nausea ( 2.4% vs 2.9% ) e vomito ( 1.1% vs 1.2% ). ( Xagena2018 )

Fonte: Annals of Internal Medicine, 2018

Cardio2018 Endo2018 Farma2018


Indietro