Xagena Mappa
A Focus on CV
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Rischio cardiovascolare con Rosiglitazone, un farmaco per il diabete


Il Rosiglitazone ( Avandia ) è stato collegato a un aumentato rischio cardiovascolare, in particolare per gli eventi di insufficienza cardiaca, in studi con dati disponibili per singolo paziente.

Avandia è un farmaco per il diabete che era stato approvato per la prima volta circa 20 anni fa.
A partire dal 2007 erano emerse indicazioni di un possibile legame con il rischio di infarto del miocardio.

Una nuova ricerca compiuta da ricercatori della Yale School of Public Health ( USA ), ha riscontrato un aumentato rischio di insufficienza cardiaca e di infarto del miocardio in modo similare a precedenti meta-analisi.
Tuttavia, l'aumento del rischio di infarto miocardico non era così forte come quanto precedentemente riportato.

Sono stati analizzati i dati di 21.156 pazienti provenienti da 33 studi randomizzati controllati con dati a livello di singolo paziente che hanno confrontato Rosiglitazone con un controllo negli adulti per almeno 24 settimane.
La meta-analisi per infarto miocardico ha incluso 103 studi senza dati a livello di singolo paziente per 23.683 pazienti, oltre ad altri 103 studi con 22.772 pazienti per la meta-analisi sulla morte correlata a cause cardiovascolari.

L'outcome primario per gli studi con dati a livello di singolo paziente era rappresentato da: eventi di scompenso cardiaco, eventi infartuali, decessi non-correlati a cause cardiovascolari e decessi correlati a malattia cardiovascolare.
Questi risultati sono stati anche valutati individualmente in analisi secondarie.
In studi senza dati a livello di singolo paziente, i risultati di interesse erano: decessi correlati a infarto miocardico e patologie cardiovascolari.

Rispetto ai controlli, i pazienti assegnati a Rosiglitazone avevano un rischio aumentato del 33% per un evento composito quando le analisi erano limitate a studi con dati a livello di singolo paziente e quando veniva impiegato un modello a effetti casuali e una correzione di continuità costante di 0.5 ( 274 eventi nel gruppo Rosiglitazone versus 219 eventi nel gruppo controllo; odds ratio, OR = 1.33; IC 95%, 1.09-1.61 ).

Se esaminato in modo indipendente, l'odds ratio per insufficienza cardiaca è stato pari a 1.54 ( IC 95%, 1.14-2.09 ), 1.17 per infarto miocardico ( IC 95%, 0.92-1.51 ), 1.18 per decessi non-correlati a cause cardiovascolari ( IC 95%, 0.6-2.3 ) e 1.15 per mortalità cardiovascolare ( IC 95%, 0.55-2.41 ).
Per studi senza dati a livello di singolo paziente, il Rosiglitazone ha aumentato gli odds ratio di infarto miocardico del 9% ( OR = 1.09; IC 95%, 0.88-1.35 ) e la probabilità di mortalità cardiovascolare del 12% ( OR = 1.12; IC 95%, 0.72 -1.74 ). ( Xagena2020 )

Fonte: British Medical Journal, 2020

Endo2020 Cardio2020 Farma2020


Indietro