Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Xagena Salute

Screening degli autoanticorpi anti-insula pancreatica negli adolescenti a rischio per predire il diabete di tipo 1 fino alla giovane età adulta


Lo screening per gli autoanticorpi diretti contro le cellule delle isole nei bambini e negli adolescenti identifica le persone che in seguito svilupperanno il diabete di tipo 1, consentendo l'istruzione del paziente e della famiglia per prevenire la chetoacidosi diabetica all'esordio e per consentire la considerazione di terapie preventive.

Si è valutato se lo screening degli autoanticorpi anti-insula pancreatica sia efficace per predire il diabete di tipo 1 negli adolescenti di età compresa tra 10 e 18 anni con un aumentato rischio di sviluppare il diabete di tipo 1.

I dati sono stati armonizzati da studi prospettici in Finlandia ( studio Diabetes Prediction and Prevention ), Germania ( studio BABYDIAB ) e USA ( Diabetes Autoimmunity Study in the Young and the Diabetes Evaluation in Washington study ).

Gli autoanticorpi contro l'insulina, la decarbossilasi dell'acido glutammico e la proteina 2 associata all'insulinoma sono stati misurati ad ogni visita di follow-up.
Sono stati esclusi i bambini persi al follow-up o con diagnosi di diabete di tipo 1 prima dei 10 anni di età.

La ponderazione della censura della probabilità inversa è stata utilizzata per includere i dati dei partecipanti rimanenti.
La sensibilità e il valore predittivo positivo di questi autoanticorpi, testati a una o due età, per prevedere il diabete di tipo 1 all'età di 18 anni sono stati i principali esiti.

Dei 20.303 bambini con un aumentato rischio di diabete di tipo 1, 8.682 sono stati inclusi per l'analisi con ponderazione della censura della probabilità inversa. 1.890 sono stati seguiti fino a 18 anni di età o hanno sviluppato il diabete di tipo 1 tra i 10 ei 18 anni di età, e il loro follow-up mediano è stato di 18.3 anni.

In tutto 442 su 1.890 adolescenti ( 23.4% ) erano positivi per almeno un autoanticorpo delle isole e 262 ( 13.9% ) avevano sviluppato il diabete di tipo 1.
Il tempo dalla sieroconversione alla diagnosi di diabete è aumentato di 0.64 anni per ogni anno di incremento dell'età alla diagnosi ( coefficiente di correlazione di Pearson 0.88, P=0.0020 ).

L'intervallo mediano tra l'ultimo campione prediagnostico e la diagnosi è stato di 0.3 anni nei 227 partecipanti positivi agli autoanticorpi e di 6.8 anni per i 35 che erano negativi agli autoanticorpi.

Lo screening singolo all'età di 10 anni è stato sensibile al 90%, con un valore predittivo positivo del 66% per il diabete clinico.
Lo screening a 2 età ( 10 anni e 14 anni ) ha aumentato la sensibilità al 93% ma ha abbassato il valore predittivo positivo al 55%.

Lo screening degli adolescenti a rischio di diabete di tipo 1 solo una volta a 10 anni di età per gli autoanticorpi delle isole è risultato molto efficace per rilevare il diabete di tipo 1 all'età di 18 anni, il che a sua volta potrebbe consentire la prevenzione della chetoacidosi diabetica e la partecipazione a studi di prevenzione secondaria. ( Xagena2023 )

Ghalwash M et al, Lancet Child & Adolescent Health 2023; 7: 261-268

Pedia2023 Gyne2023



Indietro