A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Neurobase.it

Sicurezza cardiovascolare di Albiglutide, un agonista del recettore del GLP-1


Albiglutide ( Eperzan ) è un agonista del recettore del GLP-1, una nuova classe di farmaci usati per trattare il diabete mellito di tipo 2.
È stata effettuata una meta-analisi prospettica della sicurezza cardiovascolare di Albiglutide come previsto dalle raccomandazioni della FDA ( Food and Drug Administration ) per la valutazione di nuovi trattamenti per il diabete.

La meta-analisi ha riguardato 8 studi di fase 3 e uno studio di fase 2b, in cui i pazienti sono stati assegnati in modo casuale ad Albiglutide, placebo, o confronti attivi ( Glimepiride, Insulina glargine, Insulina lispro, Liraglutide, Pioglitazone, o Sitagliptin ).
La popolazione di sicurezza ha incluso 5.107 pazienti, di cui 2.524 hanno assunto Albiglutide ( 4.870 anni-persona ) e 2.583 hanno assunto comparatori ( 5.213 anni-persona ).

Possibili eventi cardiovascolari maggiori sono stati registrati in maniera prospettica e giudicati da una Commissione indipendente all’oscuro della assegnazione del trattamento.

L'endpoint primario era un composito di prima occorrenza di eventi avversi cardiovascolari maggiori ( ad esempio, morte cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale, o ictus non-fatale ) o ricovero ospedaliero per angina instabile.
Gli endpoint secondari erano eventi avversi cardiovascolari maggiori da soli, mortalità per tutte le cause, infarto miocardico silente, ricovero ospedaliero per insufficienza cardiaca, dolore toracico, altra angina, ed emorragia subdurale o extradurale.
Il verificarsi di tutti gli altri eventi avversi classificati dai ricercatori come eventi cardiovascolari è stato documentato, ma questi non sono stati aggiudicati.

L'endpoint primario non è stato significativamente differente tra Albiglutide e tutti i comparatori ( 58 eventi vs 58 eventi; hazard ratio, HR=1.00, P=0.0019 per la non-inferiorità ).
Anche i grandi eventi cardiovascolari avversi da soli non sono stati significativamente diversi ( 52 eventi vs 53; HR=0.99 ).
Quando Albiglutide è stato confrontato con placebo o separatamente con i confronti attivi, non sono state notate differenze significative.

Non sono state rilevate differenze significative negli altri endpoint secondari.

Più pazienti avevano fibrillazione atriale o flutter atriale nel gruppo Albiglutide ( 35 pazienti su 2.524, 1.4%, 8.6 eventi per 1.000 anni-paziente ) rispetto al gruppo dei comparatori ( 16 pazienti su 2.583, 0.6%; 3.4 eventi per 1000 anni-paziente ).

Gli eventi cardiovascolari non hanno avuto significativamente più probabilità di verificarsi con Albiglutide rispetto a tutti i comparatori.
È in corso uno studio dedicato con un endpoint cardiovascolare per confermare la sicurezza di Albiglutide. ( Xagena2015 )

Fisher M et al, Lancet 2015; 3: 697-703

Endo2015 Cardio2015 Farma2015


Indietro