A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it

Studio CVD-REAL 2: gli inibitori SGLT2 riducono il rischio di eventi cardiovascolari e di mortalità nel diabete di tipo 2


I pazienti con diabete mellito di tipo 2 trattati con inibitori del cotrasportatore di sodio-glucosio di tipo 2 hanno mostrato un rischio ridotto di ospedalizzazione, morte, ictus e infarto miocardico rispetto a quelli trattati con altri farmaci ipoglicemizzanti.

Il primo studio CVD-REAL aveva rilevato che i pazienti con diabete mellito trattati con un inibitore SGLT2 avevano tassi più bassi di scompenso cardiaco e morte rispetto ad altri farmaci che riducono la glicemia. Questo studio includeva solo pazienti provenienti da Europa e Stati Uniti.

Nello studio CVD-REAL 2, sono stati analizzati i dati di 470.128 pazienti con diabete mellito di tipo 2, nuovi utilizzatori di inibitori di SGLT2 ( n = 235.064, età media, 57 anni, 45% donne, 27% con malattia cardiovascolare accertata ) o di altri farmaci ipoglicemizzanti ( n=235.064, età media, 57 anni, 46% donne, 26% con malattia cardiovascolare accertata ).
I pazienti provenivano dalle regioni del Nord America, del Medio Oriente e dell'Asia-Pacifico. Sono stati esclusi dallo studio i pazienti con diabete gestazionale o diabete mellito di tipo 1.

Gli esiti di interesse includevano il ricovero ospedaliero per scompenso cardiaco, la mortalità per qualsiasi causa, l'infarto miocardico, l'ictus e un composito di morte per tutte le cause o ospedalizzazione per scompenso cardiaco.

Al basale, circa i due terzi dei pazienti sono stati trattati con terapie antipertensive e più del 50% dei pazienti era in terapia con ACE inibitori o antagonisti del recettore dell'angiotensina II ( sartani ).
Due terzi dei pazienti stavano anche assumendo statine ( farmaci ipocolesterolemizzanti ).
La Metformina era utilizzata da circa i tre quarti della coorte, mentre le sulfoniluree e gli inibitori della dipeptil-peptidasi IV ( DPP-IV ) erano impiegati da poco più della metà.

Durante lo studio sono stati utilizzati sei diversi tipi di inibitori SGLT2, con il 75% dei pazienti che assumevano Dapagliflozin ( Farxiga ).

Durante il follow-up, la mortalità per qualsiasi causa si è verificata in 5.216 pazienti e l'insufficienza cardiaca si è verificata in 5.997 pazienti.

Rispetto all'altro gruppo di farmaci ipoglicemizzanti, il gruppo di inibitori di SGLT2 ha presentato un rischio più basso di mortalità per qualsiasi causa ( hazard ratio, HR=0.51; IC 95%, 0.37-0.7 ) e ospedalizzazione per insufficienza cardiaca ( HR=0.64; IC 95%, 0.5-0.82 ).
Il beneficio degli inibitori SGLT2 per la mortalità per qualsiasi causa e il ricovero ospedaliero è risultato statisticamente significativo in tutti i Paesi partecipanti, ad eccezione di Singapore; i dati di ospedalizzazione per scompenso cardiaco non erano disponibili per l'Australia.

Per il composito di morte per tutte le cause o ospedalizzazione per scompenso cardiaco, si sono verificati 9.788 eventi.
I pazienti che assumevano inibitori SGLT2 hanno presentato un rischio ridotto per l'endpoint composito rispetto a quelli che assumevano altri farmaci ipoglicemizzanti ( HR=0.6, IC 95%, 0.47-0.76 ), e questo era statisticamente significativo in tutti i Paesi partecipanti per i quali erano disponibili i dati completi.

Il rischio di infarto miocardico è lievemente diminuito nei pazienti che avevano assunto gli inibitori di SGLT2 rispetto a quelli trattati con altri farmaci ipoglicemizzanti ( HR=0.81, IC 95%, 0.74-0.88 ).
In questo gruppo è stata osservata anche una riduzione significativa del rischio di ictus ( HR=0.68, IC 95%, 0.55-0.84 ).

Nelle analisi per sottogruppi, i tassi di eventi erano più elevati nei pazienti con malattia cardiovascolare accertata rispetto a quelli senza malattia cardiovascolare al basale.
Le riduzioni del rischio associate agli inibitori di SGLT2 rispetto ad altri farmaci che riducono la glicemia erano coerenti nei pazienti con e senza precedente malattia cardiovascolare. ( Xagena2018 )

Fonte: American College of Cardiology ( ACC ) Scientific Session, 2018

Cardio2018 Endo2018 Farma2018


Indietro