A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase

Studio EMPA-REG: Empagliflozin riduce gli eventi renali nei pazienti con scompenso cardiaco


I pazienti con e senza insufficienza cardiaca al basale che sono stati trattati con Empagliflozin ( Jardiance ) hanno mostrato un rischio ridotto di eventi renali clinicamente rilevanti rispetto a quelli assegnati al placebo, secondo i nuovi dati dello studio EMPA-REG.

Gli effetti di protezione renale sono stati osservati su un background di cura standard ed erano coerenti con quelli riportati per la popolazione complessiva dello studio, e includevano una maggioranza significativa dei pazienti su ACE-inibitori o bloccanti il recettore dell'angiotensina ( sartani ).

Nello studio, sono stati valutati gli esiti renali post-hoc in pazienti con e senza scompenso cardiaco.

Nello studio EMPA-REG Empagliflozin, un cotrasportatore di sodio-glucosio di tipo 2 aveva ridotto in modo significativo il rischio di morte cardiovascolare e di mortalità per tutte le cause nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e anamnesi di malattia cardiovascolare, oltre a ridurre il rischio di ospedalizzazione per scompenso cardiaco o morte cardiovascolare e altri endpoint correlati allo scompenso cardiaco.
Dallo studio EMPA-REG era emerso che i pazienti con arteriopatia periferica al basale trattati con Empagliflozin presentavano riduzione del rischio di mortalità, eventi cardiovascolari, ospedalizzazione per scompenso cardiaco e nefropatia incidente o peggioramento della malattia renale, rispetto al placebo, senza aumento del rischio di amputazione dell'arto inferiore.

Nella coorte esaminata di 7.020 pazienti, il 10.1% presentava scompenso cardiaco.

Il rischio assoluto di nefropatia incidente o peggioramento della malattia renale o della mortalità cardiovascolare era più alto nei pazienti con scompenso cardiaco al basale rispetto ai pazienti senza scompenso cardiaco ( 23.3% vs 15.4% ).
La riduzione del rischio con Empagliflozin, tuttavia, è risultata simile sia nei pazienti con scompenso cardiaco ( hazard ratio, HR=0.57, IC 95%, 0.42-0.77 ) sia in quelli senza ( HR=0.62, IC 95%, 0.55-0.7 ).

Quando è stato valutato solo il rischio di nefropatia incidente o di peggioramento della malattia renale, esiti simili sono stati riscontrati nei pazienti con scompenso cardiaco ( HR=0.53, IC 95%, 0.36-0.77 ) e in quelli senza scompenso cardiaco ( HR=0.62; IC 95%, 0.54-0.71 ).

I risultati erano simili nel rischio di progressione verso la macroalbuminuria.

Rispetto ai pazienti assegnati al placebo, la funzionalità renale basata sulla velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) è diminuita nei pazienti con e senza scompenso cardiaco quando è stato iniziato per la prima volta Empagliflozin; tuttavia, successivamente, la funzione renale è risultata preservata in questi pazienti nel tempo.

I pazienti con scompenso cardiaco, livelli di albiminuria normali o con microalbuminuria al basale, assegnati a Empagliflozin hanno presentato una sostanziale riduzione degli eventi, rispetto a quelli che hanno ricevuto placebo.
I risultati sono stati simili nei pazienti senza insufficienza cardiaca al basale, che erano stati assegnati a Empagliflozin. ( Xagena2018 )

Fonte: Heart Failure & World Congress on Acute Heart Failure, 2018

Endo2018 Nefro2018 Cardio2018 Farma2018


Indietro