Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Mediexplorer.it

Terapia con Imatinib per i pazienti con diabete di tipo 1 di recente insorgenza


Il diabete di tipo 1 deriva dalla distruzione autoimmune delle cellule beta. L'inibitore della tirosina chinasi Imatinib ( Glivec ) potrebbe influenzare le vie immunologiche e metaboliche rilevanti e gli studi preclinici mostrano che inverte e previene il diabete.

Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia di Imatinib nel preservare la funzione delle cellule beta nei pazienti con diabete di tipo 1 di recente insorgenza.

È stato condotto uno studio di fase 2 multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo.
Pazienti con diabete di tipo 1 di recente insorgenza ( meno di 100 giorni dalla diagnosi ), di età compresa tra 18 e 45 anni, positivi per almeno un tipo di autoanticorpi associati al diabete e con un picco di peptide C stimolato superiore a 0.2 nmol l-1su un test di tolleranza al pasto misto ( MMTT ) sono stati arruolati da 9 Centri medici negli Stati Uniti ( n=8 ) e in Australia ( n=1 ).

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 400 mg di Imatinib mesilato ( 4 compresse rivestite con film da 100 mg al giorno ) oppure un placebo corrispondente per 26 settimane stratificando per Centro.

L'endpoint primario era la differenza nell'area sotto la curva ( AUC ) media per la risposta del peptide C nelle prime 2 ore di un test MMTT a 12 mesi nel gruppo Imatinib rispetto al gruppo placebo, con l'uso di un modello ANCOVA aggiustato per sesso, età al basale e peptide C al basale, con ulteriori osservazioni fino a 24 mesi.

L'analisi primaria è stata effettuata per intention-to-treat ( ITT ). La sicurezza è stata valutata in tutti i partecipanti assegnati in modo casuale.

I pazienti sono stati selezionati e arruolati tra il 2014 e il 2016. 45 pazienti sono stati assegnati a ricevere Imatinib e 22 a ricevere placebo.
Dopo i ritiri, 43 partecipanti nel gruppo Imatinib e 21 nel gruppo placebo sono stati inclusi nell'analisi ITT primaria a 12 mesi.

Lo studio ha raggiunto il suo endpoint primario: la differenza media aggiustata nell'AUC del peptide C di 2 ore a 12 mesi per il trattamento con Imatinib rispetto al placebo è stata di 0.095 ( P=0.048 ).
Questo effetto non è stato mantenuto fino a 24 mesi.

Durante il follow-up di 24 mesi, 32 dei 45 partecipanti ( 71% ) che hanno ricevuto Imatinib hanno manifestato un evento avverso di grado 2 o peggiore, rispetto a 13 dei 22 partecipanti ( 59% ) che hanno ricevuto il placebo.

Gli eventi avversi più comuni ( gravità di grado 2 o peggiore ) che differivano tra i gruppi sono stati: problemi gastrointestinali ( 6 partecipanti, 13%, nel gruppo Imatinib, principalmente nausea, e nessuno nel gruppo placebo ) e ulteriori indagini di laboratorio ( 10 partecipanti, 22%, nel gruppo Imatinib, e 2, 9%, nel gruppo placebo ).

Secondo il protocollo dello studio, 17 partecipanti ( 38% ) al gruppo Imatinib hanno richiesto una modifica temporanea nel dosaggio del farmaco e 6 ( 13% ) hanno interrotto definitivamente Imatinib a causa di eventi avversi; 5 partecipanti ( 23% ) nel gruppo placebo hanno avuto bisogno di modifiche temporanee nel dosaggio, e nessuno ha avuto un'interruzione permanente a causa di eventi avversi.

Un ciclo di 26 settimane di Imatinib ha preservato la funzione delle cellule beta a 12 mesi negli adulti con diabete di tipo 1 di recente insorgenza.
Imatinib potrebbe offrire un nuovo mezzo per alterare il decorso del diabete di tipo 1.
Considerazioni future stanno definendo la dose e la durata ideali della terapia, la sicurezza e l'efficacia nei bambini, l'uso combinato con un farmaco complementare e la capacità di Imatinib di ritardare o prevenire la progressione verso il diabete in una popolazione a rischio. E' tuttavia necessario un attento monitoraggio per possibili tossicità. ( Xagena2021 )

Gitelman SE et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2021; 9: 502-514

Endo2021 Farma2021



Indietro